Superbonus, se si usa la detrazione in dichiarazione occorre comunque l'Ape e l'asseverazione dell'intervento…

Superbonus, se si usa la detrazione in dichiarazione occorre comunque l'Ape e l'asseverazione dell'intervento…
Più informazioni:
La Repubblica ECONOMIA

Sarà solo tinteggiatura senza intaccare l'intonaco, servono altri documenti oltre fattura e bonifico?

Bonus facciate, il bonifico home banking va effettuato ai sensi delle ristrutturazioni edilizie o risparmio energetico?

Utilizzando il 110 nella dichiarazione dei redditi, servono le due Ape pre-post e le asseverazioni qualità lavori e congruità prezzi?

Superbonus, se si usa la detrazione in dichiarazione occorre comunque l'Ape e l'asseverazione dell'intervento?

a cura di Antonella Donati. (La Repubblica)

Su altre testate

Recenti studi del Consiglio nazionale degli Ingegneri hanno messo in evidenza la portata economica ed occupazionale della spinta di questo strumento “Riteniamo che il Superbonus, nella formula vigente – proseguono i due – abbia attivato utili meccanismi per promuovere il risparmio energetico e incentivare la prevenzione sismica rappresentando un impulso significativo all’economia nazionale, in particolare per un settore come quello dell’edilizia, tra i più colpiti dalla crisi post-pandemica. (LuccaInDiretta)

a cura di Antonella Donati. Nell'edificio di mia proprietà con due appartamenti realizzerò interventi di consolidamento con la costruzione di una nuova copertura in sostituzione totale dell'esistente. Quale modello deve essere utilizzato? (La Repubblica)

La mozione, quindi, rileva la necessità di operare, nei confronti di Governo e Parlamento, affinché venga prevista la proroga del Superbonus anche per gli edifici non condominiali o Iacp, con conseguente estensione degli incentivi nel loro complesso almeno fino al 31 dicembre 2023. (gonews)

Superbonus 110%, l'AdE sui criteri per il raggiungimento della percentuale del 60% dei lavori al 30 giugno 2022

Al momento, invece, il visto è richiesto solo nel caso di cessione del credito o sconto in fattura. STOP A CARO-PREZZI. Uno degli effetti collaterali dei bonus edilizi è stato il rialzo dei prezzi degli interventi, spesso ingiustificato. (Gazzetta del Sud)

Un piano pluriennale. In questo senso, per Bani, sarebbe utile impostare un piano pluriennale in tema di politica energetica e riqualificazione degli immobili basato anche sul confronto tra imprese, cittadini e istituzioni. (La Repubblica)

Ciò a condizione, tuttavia, che al 30 giugno di tale anno siano stati effettuati almeno il 60 per cento dell'intervento complessivo. Tutte le opere saranno progettate e certificate come da previsione normativa (certificazioni statiche preliminari, progetto strutturale, computo analitico degli oneri e collaudo finale). (CASA&CLIMA.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr