Che cosa combina la Russia nell'Artico con il siluro Poseidon

Che cosa combina la Russia nell'Artico con il siluro Poseidon
Startmag Web magazine ESTERI

D’altronde queste innovazioni di natura tecnologica procedono di pari passo con l’implementazione delle infrastrutture militari sull’isola di Kotelnt, sul territorio di Provideniya e sulle Isole Wrangel, nel Nord-Est

COSA STA FACENDO LA RUSSIA NELLA ZONA DELL’ARTICO CON POSEIDON. Ebbene, secondo un report pubblicato il 5 aprile dalla Cnn la Russia starebbe anche testando nuove armi militari nella zona dell’Artico come i test del siluro Poseidon 2M39 che è stato costruito con la finalità di bypassare le difese navali grazie alla possibilità che il missile ha di passare attraverso il fondale marino. (Startmag Web magazine)

Su altri giornali

"Non mi addentrerò nei nostri dati di intelligence. Naturalmente monitoriamo da vicino la situazione. Nessuno vorrebbe vedere una militarizzazione dell'Artico. Allo stesso tempo riconosciamo che la regione artica è un'area chiave fondamentale per i nostri interessi di difesa", ha detto Kirby durante la tradizionale conferenza stampa, rispondendo alla domanda se il Pentagono fosse preoccupato per "l'attività" dell'esercito russo nell'Artico. (Sputnik Italia)

Russia is amassing unprecedented military might in the Arctic - CNN https://t.co/yf7MzOJFNr — Information Warfare Community Self Synchronization (@IWCsync) April 5, 2021. (leggo.it)

La Russia si sta rafforzando militarmente nell’Artide e sta testando le sue armi di ultima generazione in una zona che l’emergenza climatica ha reso da poco libera dai ghiacci: a riportarlo è la Cnn, secondo cui le immagini satellitari che ha ottenuto dalla società Maxar mostrano «un evidente e continuo concentramento di basi e mezzi militari sulla costa artica del Paese», ma anche «strutture di deposito sotterranee» che l’emittente americana ritiene «probabilmente» destinate ad armi «ad alta tecnologia» come il drone-siluro sottomarino Poseidon: uno dei razzi ipersonici nucleari che Putin presentò al mondo poco prima delle presidenziali del 2018 e che sarebbe capace di affondare navi e sommergibili ma anche di colpire strutture costiere. (La Stampa)

Russia rinforza le base nell'Artico con «droni subacquei nucleari e jet». L'allarme della Cnn

Mosca sta testando «nuove armi» in una regione in cui il ghiaccio si sta sciogliendo a causa dell'emergenza climatica, «nel tentativo di proteggere la sua costa settentrionale e aprire una rotta marittima chiave dall'Asia all'Europa». (ilmessaggero.it)

"Il comandante in capo [il presidente Vladimir Putin - ndr.] ritiene che la presenza militare russa nell'Artico sia un elemento assolutamente necessario nello sviluppo delle forze artiche", ha detto Peskov. (Sputnik Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr