Il vaccino funziona contro il Covid? Lo studio su Nature: chi l'ha ricevuto contagia meno ed elimina prima il virus

Il Gazzettino SALUTE

L'analisi riguarda il trial Cove di Moderna che ha sviluppato il vaccino a Rna messaggero Spikevax, ed è stata pubblicata il 10 febbraio scorso.

Influenza, il Covid frena ancora il virus: solo 4 milioni di casi, stagione finita. Omicron 2 e 3 diventeranno dominanti?

Lo conferma uno studio pubblicato sulla rivista Nature Medicine: i vaccinati che si infettano, hanno una carica virale minore dei non vaccinati e sono dunque meno contagiosi. (Il Gazzettino)

Su altre fonti

Alle domande del primo insediamento e delle misura 4.1 investimenti presentate dal 2016 sul PSR, mi riferisco alle domande di risarcimento sui danni della Lingua Blu, Siccità 2017, alluvione 2021 in alcune zone, alle centinaia di domande sulla PAC del Premio Unico ancora non pagate per qualche anomalia, alle domande e sono centinaia sul benessere animale, indennità compensativa, per ammontare di numerosi milioni di Euro. (Sardegna Reporter)

Così, seppur in modo più timido rispetto allo scorso autunno, politici e opinionisti più o meno ignoranti in materia scientifica, tornano a sostenere tesi strampalate sul “vaccino che comunque riduce il contagio“. (MeteoWeb)

“Malattia Covid come prima dose di vaccino”. Secondo l’autore principale dello studio, Ronen Arbel, il vaccino fornisce un ulteriore livello di protezione negli ex malati e allunga la durata dell’immunità, ma “se qualcuno ha già avuto l’ infezione, è come se avesse avuto una prima dose di vaccino. (Blitz quotidiano)

I dati dimostrano che la pandemia ha aumentato, seppur sensibilmente, il numero di fumatori in tutto il mondo” Individuare gli elementi che possono influenzare la loro risposta è fondamentale per valutarne efficacia e durata ed eventuali precauzioni terapeutiche. (Il Golfo 24)

Secondo i ricercatori, i fumatori hanno mostrato un titolo anticorpale più basso o un abbassamento più rapido delle IgG (le immunoglobuline G) indotte dal vaccino rispetto ai non fumatori. Servono anche ulteriori divieti e controlli per tutelare la popolazione. (Prima Biella)

Numeri spaventosi, considerando che il fumo rappresenta una delle più importanti cause di malattia e morte prematura Lo studio sulla correlazione tra anticorpi dei vaccini Covid e fumo. Tra i numerosi effetti negativi del fumo sul nostro organismo, un recente studio italiano ne ha scovato un altro, che questa volta si lega agli effetti dei vaccini Covid. (Yahoo Notizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr