Trova queste bandiere sulle 500 Lire: ecco il motivo

Social Periodico ECONOMIA

La lira “nostalgica”. Essendo italiani, siamo abituati ad avere familiarità sopratutto con la Lira, il conio che è diventato fuori corso dall’adozione dell’Euro.

La numismatica si occupa esattamente di questo, ossia la ricerca e lo studio storico di ogni esemplare di carta moneta e monete vere e proprie.

Per l’occasione furono chiamati diversi specialisti di vela, e alla fine si decise per cambiare la direzione delle bandiere, spostandole a destra nella versione finale. (Social Periodico)

Ne parlano anche altri media

La Città del Vaticano, conosciuta anche come la Santa Sede, è il piccolissimo stato che risiede nella città di Roma, sede del Papa e simbolo della cristianità. Particolarmente interessanti le 5 lire risalenti alla prima metà del 20esimo secolo, il cui valore minimo è di circa 25 euro in condizioni buone, fino a 100 in Fior di Conio. (Social Periodico)

10 lire “spiga”, la storia di questa moneta. La Olivo fu realizzata fino al 1950 prima di fare “spazio” , l’anno successivo a quella che ha trovato una grande diffusione almeno fino agli anni 80 del ventesimo secolo, ossia quella con le spighe sulla superficie. (Social Periodico)

2 euro di valore. Ed è proprio in quel caso che alcuni particolari 2 euro possono avere un valore molto elevato: in particolare le monete create nel corso degli anni dal Principato di Monaco sono degne di attenzione a causa della tiratura molto limitata e della qualità di coniatura che è diversa dalle altre e la rende più pregiata. (Social Periodico)

Se si parla invece ci monete “moderne”, anche europee, che presentano un foro creato successivamente, questo tende ad abbassarne il valore, essendo considerata questa una sorta di danneggiamento alla moneta stessa. (Social Periodico)

Ognuno di noi sogna di possedere in casa delle monete rare: questa puoi ritrovarla e vale tantissimo! Alcune 100 lire di quel periodo, infatti, riportano la scritta “prova” e composte in acmonital e in argento. (Vesuvius.it)

Banconote rare. Oggi andremo ad evidenziare alcune tra le banconote più rare del mondo che in tutti i casi significano cifre importanti in caso di buone condizioni. Banconota della Nuova Zelanda 1929. A lungo direttamente dipendente dal Regno Unito, la Nuova Zelanda ha utilizzato fino a relativamente pochi decenni fa lo stesso conio utilizzato nelle isole britanniche, fino agli anni 60. (Social Periodico)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr