Lavori porto Riposto

Lavori porto Riposto
Approfondimenti:
Trapani Oggi - Notizie di cronaca, politica, attualità Trapani INTERNO

La Guardia di Finanza ha eseguito l'ordinanza del gip nelle province di Palermo, Catania , Agrigento e Messina.

Il Gip ha disposto misure cautelari interdittive nei confronti di sei persone indagate per frode nelle pubbliche forniture in relazione all'esecuzione di lavori pubblici nel periodo che va da ottobre a novembre 2019 per la protezione dello specchio acqueo del primo bacino del porto di Riposto ( Catania). (Trapani Oggi - Notizie di cronaca, politica, attualità Trapani)

Se ne è parlato anche su altri giornali

È il risultato di una complessa e articolata indagine transnazionale svolta sotto il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia (DDA) di Genova in raccordo con la Procura della Repubblica della Spezia, e che ha coinvolto l'agenzia delle dogane, la Guardia di Finanza e i Carabinieri. (Ticinonews.ch)

La droga era nascosta in un container proveniente dalla Repubblica Dominicana diretto al porto di Valencia sul quale era stato posto un sigillo falsificato (Il Fatto Quotidiano)

I finanzieri della Guardia di Finanza della Spezia, il Ros Carabinieri, i funzionari del locale ufficio delle Dogane, in perfetta sinergia investigativa, hanno portato a termine una complessa e articolata indagine transnazionale, svolta sotto il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di Genova in raccordo con la Procura della Repubblica della Spezia, bloccando all'interno del porto mercantile della Spezia, un ingente quantitativo di droga occultata in un contenitore proveniente dalla Repubblica Dominicana e diretto al Porto di Valencia sul quale era stato posto un sigillo falsificato. (Il Messaggero)

Sequestrati più di 400 chili di cocaina purissima al porto di La Spezia

I finanzieri della Guardia di Finanza della Spezia, il ROS Carabinieri di Genova, i funzionari del locale Ufficio delle Dogane, in perfetta sinergia investigativa, hanno portato a termine una complessa ed articolata indagine transnazionale – svolta sotto il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di Genova in raccordo con la Procura della Repubblica della Spezia – bloccando all’interno del porto mercantile della Spezia, un ingente quantitativo di droga occultata in un contenitore proveniente dalla Repubblica Dominicana e diretto al Porto di Valencia sul quale era stato posto un sigillo falsificato. (Edizione Napoli)

La droga era sistemata in modo da poter essere prelevata col sistema "rip-off", consistente nel riporre la droga immediatamente dietro i portelloni del container, in modo da poter essere agevolmente prelevata dai trafficanti durante la sosta delle merci nelle aree portuali. (Primocanale)

La sostanza stupefacente, nascosta in un carico di carta da macero, era suddivisa in 12 pacchi contenenti 359 panetti pronti per essere prelevati con il sistema del cosiddetto rip-off, consistente nel riporre la droga immediatamente dietro i portelloni del container, in modo da poter essere agevolmente prelevata dai trafficanti durante la sosta delle merci nelle aree portuali. (Ticinonline)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr