Tim ridisegna la squadra. Parte la riorganizzazione

ilGiornale.it ECONOMIA

Ieri è uscito Carlo Nardello, chief strategy officer fedelissimo dell'ex-ad e il capo di technology e operation Nicola Grassi.

Continua la riorganizzazione di Tim da parte del presidente Salvatore Rossi e del direttore generale Pietro Labriola dopo che l'ad Luigi Gubitosi ha rimesso le deleghe.

Secondo Agcom il trend è in atto da tempo (nel 2016 gli organici del comparto erano circa 70mila) a causa dei processi di riorganizzazione dei principali operatori (Tim, Vodafone e Wind Tre)

Nel dettaglio i ricavi complessivi del comparto nel quinquennio 2016-2020 si sono ridotti del 10,1%, passando da 31,5 miliardi nel 2016 ai 28,3 miliardi nel 2020. (ilGiornale.it)

Ne parlano anche altri giornali

secondo Il Sole 24 Ore, Tim potrebbe chiedere uno sconto di 60-80 milioni annui al suo partner per compensare i risultati non soddisfacenti sul fronte abbonamenti. Il documento dovrà poi essere sottoposto al vaglio della divisione Reti della Commissione Ue per il parere finale. (CorCom)

Il principale tema rimane la valutazione della manifestazione di interesse da parte di Kkr, con TIM che nei giorni scorsi ha nominato advisor finanziari Goldman Sachs e LionTree e in qualità di advisor legale lo Studio Gatti, Pavesi, Bianchi e Ludovici. (Calcio e Finanza)

La nuova funzione Chief Strategy & Business Development Office viene affidata ad interim a Claudio Ongaro. TIM comunica la nuova organizzazione di Gruppo e informa che Nicola Grassi, Chief Technology & Operations Officer, e Carlo Nardello, Chief Strategy, Business Development & Transformation Officer, lasciano l’Azienda. (MondoMobileWeb.it)

La funzione Chief Technology & Operations Officer confluisce nella nuova funzione Chief Network, Operations & Wholesale Office affidata a Stefano Siragusa, che ha assunto il ruolo di Deputy del Direttore Generale. (Finanzaonline.com)

Le azioni Telecom Italia sono arrivate a un massimo di seduta di 0,4595 euro (+1,8%). Secondo Equita "Labriola sembra quindi intenzionato a ridurre al minimo indispensabile i cambiamenti dei manageriali apicali". (Il Sole 24 ORE)

Il Sole 24 Ore, sempre oggi, riporta che intanto Tim ha trovato due nuovi partner per FiberCop, la società della rete secondaria del gruppo. I due nuovi investitori sono Affina One e Netoip, due piccoli operatori del settore telecomunicazioni (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr