Ambra contro i furbetti del vaccino, la polemica Fedez-Salvini, lo show di Chadia: gli highlights del Concertone del Primo Maggio

Ambra contro i furbetti del vaccino, la polemica Fedez-Salvini, lo show di Chadia: gli highlights del Concertone del Primo Maggio
Approfondimenti:
Open CULTURA E SPETTACOLO

Proseguirà fino alle 19 per poi riprendere, dopo una pausa di un’ora, fino a mezzanotte.

Cominciato alle 16.30, in diretta su Rai 3, si fermerà temporaneamente alle 19 per poi riprendere alle 20 e concludersi a mezzanotte

Nella prima parte del Concertone la conduttrice Ambra Angiolini ha criticato i furbetti del vaccino anti-Covid: «L’unica variante che non si potrà curare è la variante dei furbetti», ha detto. (Open)

Su altri media

Chadia Rodriguez, sul palco dell'auditorium con Federica Carta, si toglie giacca e t-shirt durante l'esecuzione di 'Bella Così'. Show in topless al concertone del primo maggio. (Adnkronos)

Oltre a Chadia Rodriguez, all’interno del Concertone del Primo Maggio, nel corso della serata vedremo anche i seguenti cantanti, molti dei quali si sono esibiti anche di recente sul palco del Festival di Sanremo. (Novella 2000)

La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. (Cosenza Channel)

In topless sul palco per il concertone del 1° maggio • Imola Oggi

Chissà se gli organizzatori si aspettavano che la giovanissima Chadia Rodriguez, alla sua prima partecipazione al Concertone, al fianco di Federica Carta, avrebbe fatto di più, restando in topless sul palco dell’Auditorium Parco della Musica, cantando la sua canzone Bella così. (La Repubblica)

«Viva la libertà d'amore e l'amore di essere liberi di amare chi vogliamo e come vogliamo», ha dettto l'artista di origini marocchine al termine dell'esibizione. Show al concertone del primo maggio con il topless di Chadia Rodriguez. (leggo.it)

“Sentitevi sempre liberi di essere voi stessi e di amare chi volete”, aggiunge Federica Carta. “Viva la libertà d’amore e l’amore di essere liberi di amare chi vogliamo e come vogliamo”, dice l’artista di origini marocchine al termine dell’esinizione. (Imola Oggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr