Truffa su bonus fiscali per emergenza Covid: 13 indagati, sequestrati 110 milioni

TG La7 ECONOMIA

cronaca. Operazione della Guardia di Finanza su una società che operava nel settore dei "Superbonus" per l'edilizia. di Redazione Cronaca. Sequestri di beni per 110 milioni di euro corrispondenti a crediti di imposta da spendere in compensazione dei debiti, sono stati disposti dalla procura di Roma che ha indagato sulle attività della società "Crescita Italia", che opera nel settore dei "superbonus" per l'edilizia, introdotti per far fronte all'emergenza sanitaria. (TG La7)

La notizia riportata su altri media

Ci sono tredici indagati tra proprietari, avvocati e commercialisti della società che avrebbe acquisito i crediti di imposta da circa 700 persone, per la maggior parte stranieri, gestori di piccoli empori commerciali tra la Capitale e Napoli e li avrebbe poi ceduti anche attraverso la piattaforma dell'Agenzia per le Entrate e della Sogei. (TG La7)

C’è ancora sentore di truffa dietro il bonus Covid: sono 13 gli indagati per reati tributari, truffa e autoriciclaggio nell’inchiesta della procura di Roma che ha portato questa mattina la la Guardia di Finanza ad eseguire un sequestro preventivo d’urgenza di 110 milioni di euro. (Zoom24.it)

Secondo quanto emerso dalle indagini, partite da una segnalazione dell’Agenzia delle Entrate grazie ai controlli incrociati, in occasione del primo decreto ristori di aprile 2020, varato dal Governo per aiutare imprese e commercianti in difficoltà, la famiglia Molinaro, originaria di Lamezia Terme, ha creato la società ‘Crescita Italia Srl’, con sede a Roma, che avrebbe ‘rastrellato’ crediti di imposta, del tutto fittizi secondo gli inquirenti, dagli aiuti (fino al 60%) concessi a commercianti e imprese per le spese di affitto. (Zoom24.it)

Crediti fiscali in frode, sequestrati 110 milioni destinati al sostegno delle imprese

Provvedimenti che erano stati disposti per aiutare le imprese e i commercianti in difficoltà. Gli accertamenti hanno riguardato in particolare la società "Crescita Italia Srl", creata a Roma nell'agosto 2020 dalla famiglia Molinaro di Lamezia Terme, che aveva acquisito crediti per la cifra posta sotto sequestro oggi da 700 persone diverse, per lo più extracomunitari che gestiscono piccoli supermercati tra Roma e Napoli (Il Lametino)

di Ilaria Sacchettoni. Gli esperti del nucleo di polizia economico finanziaria delle Fiamme Gialle stanno eseguendo un sequestro di 110 milioni di euro nei confronti di una società di intermediazione per l’erogazione dei bonus fiscali. (Corriere Roma)

L’ipotesi è che quest’ultima sia riuscita poi a cederli ad altre società (inconsapevoli), tra le quali anche Poste Italiane. (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr