Il caso Superlega arriva alla Corte di Giustizia europea: cosa succede?

Panorama ECONOMIA

L'apertura del processo sportivo contro Juventus, Real Madrid e Barcellona e le sanzioni imposte ai club che hanno deciso di fare un passo indietro ne sarebbero la prova.

La questione della Superlega arriva davanti alla Corte di Giustizia europea allargando i confini di uno scontro ancora lontano da una soluzione.

Un potere utilizzato, nel caso della Superlega, per minacciare l'estromissione dalle stesse competizioni e dai campionati nazionali come misura estrema per fermare i 'ribelli'

Il nodo sollevato dalla pronuncia pregiudiziale richiesta dal Tribunale di Madrid è semplice quanto complesso: Uefa e Fifa hanno una posizione dominante e ne fanno abuso?

E' il cuore del problema, già al centro della sentenza del Tribunale di Madrid che ha accompagnato la nascita (poi abortita) della Superlega. (Panorama)

Su altre testate

Per l'’articolo 102, inoltre, «è incompatibile con il mercato interno e vietato, nella misura in cui possa essere pregiudizievole al commercio tra Stati membri, lo sfruttamento abusivo da parte di una o più imprese di una posizione dominante sul mercato interno o su una parte sostanziale di questo» (Il Sole 24 ORE)

La battaglia di Real, Barcellona e Juventus contro le sanzioni (la Repubblica)

La motivazione è stata resa nota dal sito spagnolo confilegal.com. Ecco le motivazioni della contesa. Il caso Superlega arriva alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea di Lussemburgo. (Calcio News 24)

In particolare il magistrato nel testo di 32 pagine datato 11 maggio, pone sei domande. Una chiave che mette a dura prova la linea di galleggiamento di Uefa e Fifa (ilmessaggero.it)

Santin è un allenatore, da calciatore Nello Santin è stato intervistato in esclusiva per TorinoGranata.it. (Torino Granata)

I club ribelli di Superlega, tra cui la Juventus, sono pronti a ricorrere alla Corte di Giustizia europea: cosa rischiano i bianconeri. La Corte di Giustizia europea deciderà se quest’ultimi hanno ragione o la UEFA possa impedire l’organizzazione di altre competizioni (CalcioToday.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr