Riscoprire l'esperienza culinaria veneziana al Cipriani, gioiello nell'isola della Giudecca

Riscoprire l'esperienza culinaria veneziana al Cipriani, gioiello nell'isola della Giudecca
VeneziaToday INTERNO

E anche alla gente del posto si rivolgono alcune delle proposte di quest'anno: proposte di alto livello, ma che di tanto in tanto val la pena di concedersi.

Ma chi frequenta la Giudecca anche in altri periodi dell'anno ne conosce e ne apprezza soprattutto il fascino, la quiete e l'autenticità.

Il programma prevede l'aperitivo alle 19, a seguire la cena e, dalle 23.30, lo spettacolo pirotecnico

Il Cipriani è tra quelle realtà che, colpite dalle difficoltà della pandemia, hanno cercato nuove strade e le hanno trovate "in casa", guardando alle tradizioni e all'esperienza locale. (VeneziaToday)

Ne parlano anche altre testate

Dopo l’annullamento del 2020 a seguito dell’emergenza epidemiologica, i fuochi d’artificio hanno restituito ai veneziani e ai visitatori l’emozione dei fuochi sul bacino di San Marco. Redentore a Venezia: Primo grande evento in Italia con obbligo di registrazione e accesso regolamentato dal Green Pass. (Giornale Nord Est)

Per facilitare gli ospiti della manifestazione, verranno istituiti dei punti tamponi temporanei in Giudecca e a San Marco, anche con l’utilizzo di un vaporetto ormeggiato in Canal Grande in zona Rialto. (La voce di Rovigo)

Venezia, 18 luglio 2021 – Cala il sipario sulla Festa del Redentore 2021. Sono stati circa 3000 i natanti distribuiti nelle aree di ormeggio per seguire lo spettacolo dall’acqua, nella modalità più tradizionale, che hanno ospitato 20.000 persone. (il Resto del Carlino)

Festa del Redentore a Venezia, gli spettacolari fuochi d’artificio in laguna

In particolare: in occasione della Festa del Redentore nella notte tra domani, sabato 17, e domenica 18 luglio 2021, al termine dello spettacolo pirotecnico, verranno organizzati servizi di deflusso che coinvolgeranno i servizi di navigazione e automobilistico. (ilgazzettino.it)

Venezia festeggia questa sera il Redentore, in ricordo della fine della peste del 1575 e della costruzione (avvenuta nel 1576) della Chiesa palladiana sull'isola della Giudecca nell'area del convento francescano. (RTL 102.5)

Una tradizione interrotta lo scorso anno a causa delle rigide norme anti-Covid, ma che stavolta si è potuta svolgere grazie all'organizzazione studiata per gli accessi, sia per le rive che per i posti in barca: prenotazioni online e possesso di green pass vaccinale o del risultato negativo di un tampone nelle 48 ore precedenti. (Corriere TV)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr