Retromarcia della Ue su Kaliningrad. Borrell: rivediamo le linee guida sulle sanzioni

Retromarcia della Ue su Kaliningrad. Borrell: rivediamo le linee guida sulle sanzioni
Approfondimenti:
Secolo d'Italia ESTERI

Ma il Seae (Servizio Europeo per l’Azione Esterna, la diplomazia Ue, ndr) rivedrà le linee guida per chiarire che non vogliamo bloccare o impedire il traffico tra Kaliningrad e la Russia, ma solo impedire aggiramenti delle sanzioni.

“A Kaliningrad – sostiene Borrell – non c’è un blocco.

Prosegue, invece, la processione di Zelensky per sollecitare i vari Stati, alcuni piuttosto riluttanti, ad imporre sanzioni alla Russia

La Commissione Europea fa retromarcia su Kaliningrad e “rivedrà”, annuncia l’Alto Rappresentante dell’Ue Josep Borrell, a margine del Consiglio Europeo a Bruxelles, le linee guida sulle sanzioni Ue, seguendo le quali la Lituania ha ostacolato il traffico merci tra la Russia e l’oblast di Kaliningrad, causando una reazione minacciosa di Mosca (Secolo d'Italia)

Ne parlano anche altre fonti

Possibile che i dirigenti lituani non si rendano conto che bloccare il traffico ferroviario fra la Russia e Kaliningrad equivale a mettere le dita negli occhi al Cremlino, dando il via ad una possibile escalation militare? Ne deriva che se la Russia attaccasse in qualche modo la Lituania, Paese Nato, gli alleati dovrebbero difenderla con l’invio degli eserciti. (tviweb)

Il rischio di una terza guerra mondiale si fa sempre più reale dopo la decisione della Lituania di bloccare il corridoio di Suwalki. Dopo la sconfitta dell’impero tedesco nella prima guerra mondiale, però, la Prussia orientale con Konigsberg al centro fu staccata dallo stato tedesco. (InvestireOggi.it)

ha bloccato il collegamento e l'ha isolata da Mosca offrendo un pretesto perfetto a Putin. Lo troverà "in questo frammento di seconda guerra mondiale, in quella che era la Koenigsberg di Kant". (Liberoquotidiano.it)

Il blocco di Kaliningrad, Mosca avverte: «La risposta non sarà diplomatica». La Germania respinge le minacce

Quello di Kaliningrad è dunque un caso di asimmetria plateale: la Nato non ha armi nucleari al confine con la Russia, per scelta, mentre la Russia dispone di armi nucleari addirittura dentro il territorio della Nato. (Nicola Porro)

Lo ha detto questo pomeriggio l’Alto Rappresentante per la Politica estera e di sicurezza dell’Ue, Josep Borrell, rispondendo ai giornalisti a margine del Consiglio europeo a Bruxelles. (Agenzia askanews)

«La possibile risposta alle restrizioni imposte dalla Lituania al transito delle merci nella regione di Kaliningrad sarà pratica e non diplomatica». Secondo il governatore di Kaliningrad, queste sanzioni colpiscono quasi il 50 per cento delle merci, soprattutto metalli e materiali da costruzione, destinate alla Russia (Open)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr