iMessage: Google chiede ad Apple di usare RCS

Punto Informatico SCIENZA E TECNOLOGIA

Per chi non lo sapesse, RCS (acronimo di Rich Communication Service) è un protocollo che sta sostanzialmente a rappresentare l'evoluzione degli SMS.

Google ha altresì aggiunto che sarebbe felice di poter collaborare con Apple per l'implementazione dello standard

iMessage: Google chiede ad Apple l'uso dello standard RCS. A distanza di breve tempo, il “colosso delle ricerche in Rete” è voluto tornare sull'argomento. (Punto Informatico)

La notizia riportata su altri giornali

I protocolli RCS e come questi sottolineano le diversità tra gli utenti. Quando inviamo un sms ad un melafonino ad un altro anch’esso di Apple, verrà identificato con uno sfondo blu. Cosa che invece non accade se lo smartphone mittente ha un sistema operativo Android. (Android Italy)

Chiediamo ad Apple di supportare lo standard del settore per la messaggistica moderna (RCS) in iMessage, proprio come supportano i vecchi standard SMS/MMS”. Poi Lockheimer ha proseguito dicendo: “Il supporto dell’RCS migliorerebbe l’esperienza sia per gli utenti iOS che Android”. (Computer Magazine)

"iMessage su Android rimuoverebbe un ostacolo per le famiglie e gli consentirebbe di comprare un telefono Android ai figli" scriveva in una mail Craig Federighi. Ma anche uno strumento in grado di creare una disparità che a volte sfocia nel bullismo nei confronti di chi ha Android. (Fanpage.it)

Ami Android ma hai i tuoi dati su iCloud: ecco la soluzione comoda e facilissima. E’ un periodo pieno di mutamenti e scoperta, ma soprattutto di confronto con quello che che attende l’essere umano fuori dalla cerchia familiare. (Tech Meteoweek.com)

Per iMessage, poi, vengono altresì forniti dei dettagli aggiuntivi riguardo lo status del messaggio, indicando ad esempio se questo viene letto oppure se è stato consegnato. Per Google, però, il successo del servizio offerto dall'azienda di Cupertino rappresenta un'arma a doppio taglio che sta innescando veri e proprio fenomeni di discriminazione nei confronti degli utenti Android. (Punto Informatico)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr