F1, i progressi della Ferrari dal 2020. Ma non può bastare: per la Rossa conta solo vincere

F1, i progressi della Ferrari dal 2020. Ma non può bastare: per la Rossa conta solo vincere
Altri dettagli:
OA Sport SPORT

Foto: Lapresse

Un ruolino di marcia sicuramente più incoraggiante rispetto all’anno scorso, ma insufficiente per le ambizioni di un team che ha fatto la storia di questo sport.

La Rossa è comunque ancora in linea per raggiungere l’obiettivo fissato a inizio 2021 dal team principal Mattia Binotto, ovvero la terza piazza nel Mondiale costruttori alle spalle delle imprendibili Mercedes e Red Bull.

Ad oggi, dopo 16 tappe, nel 2021 la scuderia del Cavallino Rampante ha collezionato 4 podi totali (3 con Sainz, 1 con Leclerc) e 2 pole position (entrambe con il monegasco). (OA Sport)

Su altri giornali

La nuova Ferrari sorprende: un dato impressionante racconta la crescita improvvisa della SF21 La nuova power unit introdotta dalla Ferrari sulle SF21 di Leclerc e Sainz negli ultimi due gran premi di Formula 1 fa ben sperare in vista del finale di stagione e del prossimo Mondiale: i dati sulle velocità di punta toccate dalle Rosse in qualifica e gara certificano la crescita della monoposto del Cavallino. (Sport Fanpage)

Leclerc infatti, nonostante alcune prestazioni straordinarie, ha paradossalmente centrato un solo podio. Leclerc sembra credere fermamente alle chance di rinascita della rossa. (FormulaPassion.it)

A Londra si è parlato del calendario della prossima stagione che dovrebbe prevedere ben 23 Gran Premi. Discussioni anche su come migliorare la qualifica sprint che è stata confermata per il prossimo GP del Brasile come ultima volta questa stagione (Sky Sport)

F1, verso il calendario del Mondiale 2022: 23 gare, arrivano Imola e Miami

Nel 2012 i vincitori furono ben 8 invece, mentre il record stagionale è del 1982 con 11 vincitori differenti Dopo Istanbul, Bottas è diventato il sesto vincitore diverso del 2021: un numero che fotografia bene una stagione aperta e imprevedibile. (Sky Sport)

“Se oggi paghiamo ancora un gap di prestazione in fatto di power unit rispetto ai migliori, il nostro obiettivo è non averlo più l’anno prossimo Non penso che siamo i più bravi, ma credo che oggi abbiamo fatto un salto che ci permetterà di essere competitivi anche nell’area dell’ibrido". (Motorsport.com Italia)

Lo sa bene la storica scuderia Ferrari, incappata in una problematica legata al pit stop sulla vettura numero 55 durante l’ultimo round del campionato 2021. la sosta incriminata di Carlos Sainz (Scuderia Ferrari) – Gp di Turchia edizione 2021. (FUNOANALISITECNICA)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr