La Guardia di Finanza sequestra 20 milioni a Dhl. Il pm: «Sistema di sfruttamento dei lavoratori»

La Guardia di Finanza sequestra 20 milioni a Dhl. Il pm: «Sistema di sfruttamento dei lavoratori»
Altri dettagli:
Open INTERNO

Leggi anche:

Inoltre, secondo quanto emerso dalle indagini, l’azienda avrebbe omesso «sistematicamente il versamento dell’Iva e, nella maggior parte dei casi, degli oneri di natura previdenziale nei confronti dei lavoratori».

Su delega del pm Paolo Storari il sequestro è stato eseguito dagli agenti della Guardia di Finanza, mentre le indagini sono state svolte in collaborazione con il settore Contrasto Illeciti dell’Agenzia delle Entrate. (Open)

Ne parlano anche altri media

E’ quanto emerge da una indagine su una presunta maxi frode fiscale da parte di Dhl Supply Chain Italy. E’ quanto scrivono i pm Paolo Storari e Giovanna Cavalleri nel decreto di sequestro da oltre 20 milioni nei confronti di Dhl Supply Chain Italy. (Il Primato Nazionale)

Dall’inchiesta è emerso che, attraverso società di intermediazione e ‘finte’ cooperative, sarebbero stati creati “meri serbatoi di manodopera”, ossia lavoratori della logistica a cui le società intermediarie, tra l’altro, non versavano in gran parte i contributi. (L'HuffPost)

Il sequestro d’urgenza disposto dalla Procura dovrà passare alla valutazione di un giudice per le indagini preliminari per la convalida. Allo stesso tempo le altre società non versavano l’Iva dovuta e nemmeno i contributi per i facchini impiegati nelle consegne per conto di Dhl. (Il Fatto Quotidiano)

Milano, sequestrati 20 milioni di euro a Dhl: niente contributi a lavoratori

La frode a Milano Presunta evasione di contributi ai lavoratori, la Gdf sequestra 20 milioni di euro a Dhl I reati contestati resi possibili attraverso l'uso di società di intermediazione, un consorzio di 23 società cooperative e di 'meri serbatoi di manodopera'. (Rai News)

Oltre a Dhl, come persona giuridica, sono indagati, sempre per frode fiscale, i due presidenti del consiglio di amministrazione che si sono succeduti negli ultimi anni: Fedele De Vita e Antonio Lombardo Nel mirino degli investigatori del Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf è finita la Dhl, la nota multinazionale che opera nel settore settore dei trasporti e della logistica. (La Stampa)

Dall'inchiesta è emerso che, attraverso società di intermediazione e 'finte' cooperative, sarebbero stati creati "meri serbatoi di manodopera", ossia lavoratori della logistica a cui le società intermediarie, tra l'altro, non versavano in gran parte i contributi. (Sky Tg24 )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr