Capaci, da 28 anni, il 23 maggio, cartelli legati agli alberi del corso per esternare lo sdegno contro la mafia

Capaci, da 28 anni, il 23 maggio, cartelli legati agli alberi del corso per esternare lo sdegno contro la mafia
Tele Occidente Tele Occidente (Interno)

Sabato, come 28 anni fa, a rinnovare l’iniziativa, ormai divenuta tradizione, saranno i fondatori del gruppo giovanile 88 che, nel 1992, l’anno delle stragi di mafia, erano solo dei ragazzi.

Da allora sono trascorsi 28 anni e quel gruppo di “giovani”, oggi formato da adulti responsabili e padri di famiglia, continua ogni 23 maggio ad affidare il proprio dissenso, la speranze e la doverosa memoria ai tronchi di quegli alberi.

Se ne è parlato anche su altri media

Nelle attività curriculari, inoltre, i docenti hanno sempre sottolineato l’importanza dei comportamenti che sono alla base della legalità e del valore condiviso della convivenza civile. (Il Quotidiano del Molse)

I valori colpiti il 23 maggio del 1992 con l’assassinio di Giovanni Falcone, di Francesca Morvillo e della loro scorta, sono oggi perfettamente attuali. (L'AntiDiplomatico)

In terza serata, infine, Speciale Sottovoce "Io, Maria, e mio fratello Giovanni Falcone” con un'intervista di Gigi Marzullo a Maria Falcone. Protagonisti del percorso i due magistrati, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, che si sono impegnati per contrastare il crimine e restituirci un mondo migliore. (RAI - Radiotelevisione Italiana)

Qui ricordiamo quest'anno anche tutti i morti del 2020: i medici, gli infermieri, gli agenti, i riders", è la dedica di Maria Falcone. "Non so quando conosceremo tutta la verità, ma ci auguriamo che col passare degli anni certe possibilità possano aumentare", dice Maria Falcone nel ventottesimo anniversario della strage che uccise il fratello, la moglie e gli uomini della scorta. (La Repubblica)

Così cantano, tutti insieme, 29 artisti siciliani, tra cui Giovanni Caccamo, Mario Biondi, Lorenzo Fragola, Mario Incudine, Shakalab, Frankie hi-nrg mc, ma anche la nasitana Oriana Civile. (AMnotizie.it)

finale). Siamo Capaci di ricominciare. di sollevarci e non cadere giù. siamo capaci di aiutare chi si sente solo. e non ci crede più. Siamo Capaci di guardare in alto. capire quello che ora non si può. (LiveuniPA)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti