Eutanasia: Milano procede su Cappato, indagato per istigazione al suicidio

Eutanasia: Milano procede su Cappato, indagato per istigazione al suicidio
Approfondimenti:
Tiscali Notizie INTERNO

Se il suicidio avviene, il reato è punibile con "la reclusione da cinque a 12 anni".

(Adnkronos Salute) - La procura di Milano ha inscritto, come da prassi dopo la ricezione di un'autodenuncia (fatta ieri ai carabinieri della Compagnia Duomo), Marco Cappato per istigazione al suicidio per aver accompagnato Elena, 69enne malata oncologica in fase terminale, in Svizzera.

Del fascicolo si occupa il sesto Dipartimento della procura meneghina guidato dall'aggiunto Tiziana Siciliano, il magistrato protagonista del processo a Cappato per l'aiuto al suicidio di Dj Fabo, la quale avrà come primo compito quello di vagliare la competenza territoriale

Milano, 4 ago. (Tiscali Notizie)

Ne parlano anche altre testate

Sul processo a Marco Cappato per Fabiano Antoniani la posizione di Siciliano è sempre stata netta: il fatto non sussiste. Chiediamo l'assoluzione in maniera convinta ritenendo che il fatto non sussiste, la fattispecie incriminatrice non corrisponde agli elementi fattuali di cui siamo in possesso" (Necrologi)

Da allora qualcosa è cambiato in materia di fine vita, ma non abbastanza: Cappato rischia fino a 12 anni di carcere per l’accusa di aiuto al suicidio perché la sentenza della Corte costituzionale, che ha depenalizzato in parte il suicidio assistito in Italia, non contempla il caso di Elena Dopo cinque anni Marco Cappato è tornato dai carabinieri, nel centro storico di Milano, per autodenunciare di avere accompagnato a morire in Svizzera, con il suicidio assistito, la signora Elena, malata terminale di cancro. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

La vicenda ha generato un’ondata di commozione a Spinea, il paese nel quale Elena era residente, dove ora regna il silenzio e il dolore. Elena Altamira, 69enne malata terminale di cancro morta martedì 2 agosto attraverso il suicidio assistito a Basilea, in Svizzera, assistita da Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni. (Cronache Nuoresi)

Fine vita, Marco Cappato indagato a Milano per aiuto al suicidio

Il tesoriere dell'associazione Luca Coscioni deve rispondere dell'articolo 580 del codice penale che punisce "Chiunque determina altri al suicidio o rafforza l'altrui proposito di suicidio, ovvero ne agevola in qualsiasi modo l'esecuzione". (Adnkronos)

Sostieni l’impegno per la libertà di tutti. Per evitare che fossero i suoi cari a rischiare problemi con la giustizia, l’ha aiutata Marco Cappato, che ora rischia fino a 12 di carcere. (Associazione Luca Coscioni)

Da lì – ha detto ieri Cappato – è iniziato un percorso giudiziario che ha portato alla legalizzazione dell’aiuto al suicidio in Italia ma solo per un tipo di malati Ieri si è autodenunciato per aver aiutato Elena, 69 anni, malata oncologica, a raggiungere la Svizzera per morire. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr