I guariti dal covid hanno anticorpi dopo 9 mesi, compresi gli asintomatici

I guariti dal covid hanno anticorpi dopo 9 mesi, compresi gli asintomatici
Approfondimenti:
Today.it SALUTE

Oggi arriva un ulteriore passo in avanti nella ricerca scientifica, sempre da Vo', forse la città più studiata per il covid nel mondo.

I livelli di anticorpi misurati, però, variano a seconda del tipo di test utilizzato, a volte anche sensibilmente

Buone notizie da Vo' Euganeo, la cittadina alle porte di Padova che registrò la prima vittima di covid in Italia.

Lo studio a Vo' Euganeo: gli anticorpi covid durano 9 mesi anche per gli asintomatici. (Today.it)

La notizia riportata su altre testate

Gli anticorpi contro il Sars-CoV-2 durano 9 mesi, sia nei sintomatici che negli asintomatici: è quello che emerge dai dati pubblicati su Nature Communication dei dati relativi all’indagine di Vo’ Euganeo condotta dal gruppo di Andrea Crisanti dell’Università di Padova in collaborazione con l’Imperial College di Londra. (Corriere del Ticino)

li anticorpi anti SarsCoV2 durano nove mesi, sia nei sintomatici che negli asintomatici: è quello che emerge dai dati pubblicati su Nature Communication dei dati relativi all'indagine di Vo' Euganeo condotta dal gruppo di Andrea Crisanti dell'Università di Padova in collaborazione con l'Imperial College di Londra. (Ticinonline)

A novembre tutti i test hanno dimostrato una riduzione dei titoli anticorpali, sebbene il 98,8% dei soggetti mantenesse ancora una quantità rilevabile di anticorpi. Nel 18,6% dei soggetti si è registrato invece un aumento marcato del titolo anticorpale o neutralizzante tra maggio e novembre, segno questo di una probabile o documentata riesposizione al virus». (Corriere della Sera)

Covid, dallo studio di Vo' il comportamento degli anticorpi e le istruzioni per contenere il virus

Gli anticorpi anti Covid durano 9 mesi, sia nei sintomatici che negli asintomatici: è quello che emerge dai dati pubblicati su Nature Communication dei dati relativi all’indagine di Vò Euganeo condotta dal gruppo di Andrea Crisanti dell’Università di Padova in collaborazione con l’Imperial College di Londra. (Gazzetta del Sud)

È stato inoltre riscontrato in alcuni casi un aumento delle difese anticorpali, fenomeno che suggerisce possibili re-infezioni con il virus in alcuni soggetti (Il Mattino di Padova)

Quanto è servito il contact tracing nel contenimento dell’epidemia? Per questo motivo riteniamo che per il controllo di future epidemie di SARS-CoV-2 sia necessario implementare delle strategie di testing rigoroso e migliorare gli approcci di contact tracing (PadovaOggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr