Rovigo, lei uccisa e lui in gravi condizioni. In casa trovata una lettera: “Scusateci”

Il Fatto Quotidiano Il Fatto Quotidiano (Interno)

I due, secondo quanto si apprende, avrebbero lasciato una lettera firmata da entrambi in cui chiedono scusa per il loro gesto.

La pistola usata per l’omicidio e il tentativo di suicidio è una Beretta, che l’uomo, ex cacciatore, deteneva regolarmente.

Ne parlano anche altri giornali

Poi si è sparato con la stessa arma, tentando il suicidio, come riporta Il Resto del Carlino. La pistola usata per l'omicidio e il tentativo di suicidio è una Beretta, che l'uomo, ex cacciatore, deteneva regolarmente. (Fanpage.it)

In queste ore sarebbe al lavoro la Squadra Mobile per fare chiarezza su quanto accaduto a Rovigo nel giorno di San Valentino: saranno effettuate, dunque, ulteriori indagini per provare a capire cosa abbia spinto l’ex campione di ciclismo ad ammazzare la moglie e a suicidarsi. (Inews24)

Specialmente da parte di Tino, che portava a spasso il cane tutte le mattine ed era sempre sorridente con tutti». Ricoverato in ospedale in condizioni disperate, è spirato qualche ora dopo nel pomeriggio di venerdì. (Corriere della Sera)

ragedia prima di pranzo a due passi dallo stadio Battaglini in Commenda, in via Gramsci. La lettera rinvenuta sembra essere firma da entrambi i coniugi e conterrebbe le scuse ai familiari per il gesto. (RovigoOggi.it)

La vittima si chiamava Renata Berto e il marito, Tino Bellinello. L'uomo, 87 anni, ex gestore di un impianto di carburante, la moglie aveva 78 anni. (La Repubblica)

In unaa firma di entrambi i coniugi sarebbe state espresse ai familiari le scuse per il tragico gesto.alle porte della città,, una Beretta regolarmente detenuta, e poi l'ha puntata verso di sé: è gravissimo. (Il Mattino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti chiusi.