Sondaggio rivela: americani riluttanti alla vaccinazione anti-Covid difficilmente cambieranno idea

Sondaggio rivela: americani riluttanti alla vaccinazione anti-Covid difficilmente cambieranno idea
Sputnik Italia INTERNO

Secondo la rilevazione, il 60% degli intervistati ha dichiarato di essere stato vaccinato, il 4% non ha completato ancora il ciclo vaccinale, il 12% ha intenzione di essere vaccinato e il 24% non vuole immunizzarsi. Allo stesso tempo, in quest'ultimo gruppo è molto difficile che il 78% cambi idea, incluso un 51% che sostiene sia "molto improbabile" un ripensamento. Secondo i dati del sondaggio, gli americani rifiutano la vaccinazione più frequentemente per i dubbi e la mancanza di certezza sulla sicurezza del vaccino (23%) o per la convinzione che il coronavirus non rappresenti una seria minaccia per la salute (20%). (Sputnik Italia)

Se ne è parlato anche su altre testate

Al momento, la convinzione della maggior parte degli scienziati è che l'immunità abbia una durata di circa un anno e, quindi, è necessario "organizzarci per i richiami" dice il generale che proprio oggi ha avuto una riunione con ministero della Salute e Protezione Civile su come organizzare e gestire questa nuova fase, anche alla luce delle varianti che continuano a mutare il virus (Sky Tg24 )

La società è già a lavoro da molte settimane, prima che la struttura commissariale desse l’ok alla vaccinazione aziendale in modo formale. L’aspetto logistico, come si è visto anche per la vaccinazione del sistema sanitario, è centrale in una campagna di massa come questa (Il Sole 24 ORE)

A seguire Pavia e Sondrio (24,9%), oltre che Bergamo (24,7%), Lecco (24,2%) e Brescia (23,3%), le uniche province, oltre a Cremona, sopra la media regionale (23%). Si tratta, in numeri assoluti di 88.717 persone su una popolazione target di 320.690 cittadini. (Cremonaoggi)

Terza dose vaccino anti covid, Toti: «Ci stiamo già attrezzando»

Una tragedia evvenuta quando ormai sembrava aver superato la fase più acuta della malattia, come raccontano i colleghi di lavoro profondamente colpiti e addolorati. Quindi non solo le persone anziane possono rimanere vittima del virus, ma anche i più giovani. (IL TELEGRAFO Livorno)

Nel tempo, Steriline è andata in produzione con macchinari destinati anche alla Svezia, capaci di garantire una produzione oraria di 24 mila pezzi. L’azienda comasca, attiva da oltre trent’anni nella produzione di apparecchiature per la lavorazione sterile dei farmaci iniettabili, ha vinto una gara contro altri otto colossi del packaging farmaceutico. (Il Giorno)

Ma a cosa serve di preciso la terza dose del vaccino contro il coronavirus e quando andrà fatta? Ovvero la terza per i vaccini che prevedono il richiamo o la seconda per i monodose come Janssen di Johnson & Johnson. (GenovaToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr