Alto Adige: omicidio in Rsa, uccisa a coltellate 78enne

Alto Adige: omicidio in Rsa, uccisa a coltellate 78enne
Yahoo Notizie INTERNO

Sul posto sono subito accorsi alcuni infermieri e un medico d’urgenza che hanno inutilmente tentato di salvare la vita della donna.

L’87enne, che è stato subito fermato da alcuni collaboratori della struttura, non ha opposto resistenza

Il delitto si è consumato nel tardo pomeriggio durante l'orario di visita nel giardino della casa di riposo Lorenzerhof.

A toglierle la vita sarebbe stato il compagno, l'87enne austriaco Karl Engelmayr, che è stato arrestato dai carabinieri poco dopo l'omicidio. (Yahoo Notizie)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Sono 3 invece i casi positivi individuati dai test rapidi (402 quelli notificati ieri all’Azienda sanitaria). Restano 2 i pazienti ricoverati in ospedale perché a fronte di 1 dimissione si è registrato anche 1 nuovo ricovero: come anticipato, sono migliorate le condizioni del paziente ricoverato in rianimazione che ieri ha lasciato il reparto di terapia intensiva. (Alto Adige)

Un ultimo dato riguarda i guariti: con i 5 di oggi il totale da inizio pandemia arriva a 44.453 Restano 2 i pazienti ricoverati in ospedale perché a fronte di 1 dimissione si è registrato anche 1 nuovo ricovero: come anticipato, sono migliorate le condizioni del paziente ricoverato in rianimazione che ieri ha lasciato il reparto di terapia intensiva. (Trentino)

Un ragazzo di 15 anni è morto schiacciato da un trattore. I soccorritori intervenuti non hanno potuto che constatare la disgrazia. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Covid, in Alto Adige il virus cresce: 39 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Inoltre 17 test antigenici positivi. A livello provinciale ad oggi (20 luglio) sono stati effettuati in totale 604.653 tamponi su 226.598 persone (il Dolomiti)

Inutile l'intervento dei soccorritori. La disgrazia si è verificata nel tardo pomeriggio nei pressi del maso di famiglia. (Il Gazzettino)

I nuovi guariti sono appena 24. Cala invece da 9 a 7 il numero dei pazienti nei normali reparti ospedalieri e la terapia intensiva resta vuota. (Il Gazzettino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr