Visco: «Crisi pesantissima, conseguenze incerte. Essenziale supporto politiche bilancio»

Visco: «Crisi pesantissima, conseguenze incerte. Essenziale supporto politiche bilancio»
Il Sole 24 ORE Il Sole 24 ORE (Economia)

Visco: «Crisi pesantissima, conseguenze incerte.

Essenziale supporto politiche bilancio» Il governatore di Bankitalia Ignazio Visco, nel suo intervento alla riunione dell'Esecutivo Abi, ha chiesto alle banche di non rinviare l'emersione di perdite altamente probabili e di continuare a preservare adeguati livelli di patrimonializzazione.

«Essenziale supporto politiche bilancio». . In questo scenario Visco ha rilevato che «resta essenziale il supporto delle politiche di bilancio, a livello sia nazionale sia europeo». (Il Sole 24 ORE)

Su altre fonti

Oggi il governatore di Bankitalia Ignazio Visco ha invece parlato della propensione al risparmio come effetto negativo della crisi Covid-19. «Un aumento generalizzato delle richieste di escussione delle garanzie potrebbe altresì determinare ripercussioni sulle finanze pubbliche», spiega Visco. (Vicenza Più)

La pandemia non sta. evolvendo, a livello globale, come molti avevano sperato. E’ quanto ha detto il governatore di Bankitalia Ignazio Visco, intervenendo al comitato esecutivo dell’Abi, nel discorso “L’economia italiana e le banche: implicazioni della pandemia e prospettive”. (Finanzaonline.com)

La questione e' complessa". E sottolinea: "Non va dimenticato, inoltre, che piu' che del supporto di una grande banca pubblica l'economia italiana beneficerebbe innanzitutto di una pubblica amministrazione efficiente, di infrastrutture adeguate, di investimenti in innovazione e conoscenza. (Il Sole 24 ORE)

Visco: “Rischio crescita sofferenze, banche preservino il patrimonio”

“Diversa è la natura, forse più complessa l’attività, di una banca pubblica di sviluppo; l’utilità di muovere in questa direzione e le modalità su come farlo andrebbero valutate con attenzione”. Forti dubbi sull’idea di dar vita a una banca pubblica. (L'agone)

Quanto alla Francia si prevede un -9,5% nel 2020 e un +5,8% nel 2021. Sempre secondo l’Ocse la Germania segnerà un -5,4% nel 2020 e un +4,6% nel 2021. (Regioni.it)

Non manca poi un riferimento alle aggregazioni tra intermediari che, secondo Visco, potrebbero permettere una crescita dell’efficienza e aumentare le loro possibilità di operare con successo sul mercato. (We Wealth)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr