Airbag difettosi: scatta il maxi controllo su 30 milioni di auto

GPOne.com ECONOMIA

Sembra che la cosa non sia ancora ufficializzata, ma in ogni caso la parte difettosa riguarda i gonfiatori.

Sotto controllo, ben 30 milioni di auto.

Il problema interessa nello specifico dei gonfiatori di airbag installati a bordo di tantissime auto prodotte dal 2001 al 2019 inclusi, praticamente gli ultimi vent'anni!

Negli USA scatta un maxi controllo da parte dell’NHTSA, l’Ente federale americano per la sicurezza stradale. (GPOne.com)

Ne parlano anche altri media

Gli airbag incriminati sarebbero stati prodotti dall'azienda Giapponese Takata che già nel 2013 aveva richiesto il controllo su 3,6 milioni di auto, a causa di alcuni difetti al gonfiaggio dell'airbag, costruiti dalla "Tacata Airbags" sua controllata. (HDmotori)

Per la Reuters, che cita un documento dell’agenzia statunitense per la sicurezza dei trasporti, l’inchiesta riguarda 30 milioni di veicoli, prodotti da 20 Case auto tra il 2001 e il 2019. In USA, siamo a 67 milioni di veicoli coinvolti in questi richiami (ClubAlfa.it)

Già nel 2013, una serie di incidenti con morti e feriti dovuti ai dispositivi di protezione difettosi portò al richiamo di 3,6 milioni di auto dotati di quegli airbag, costruiti da Tacata Airbags, società controllata proprio da Takata. (LiberoQuotidiano.it)

Nello specifico, sembra essere emerso che potrebbero essere coinvolte le auto costruite tra l’anno 2001 e 2019 dei marchi Ferrari, Mazda, Toyota, Ford, Porsche, Nissan, BMW, Honda, Tesla e altre aziende automobilistiche A quanto pare, sembrano esserci notizie alquanto preoccupanti che potrebbero interessare molti automobilisti poiché, il dipartimento dei Trasporti, ha diramato un allarme in merito ad alcuni airbag difettosi. (Tom's Hardware Italia)

L’Ente federale americano per la sicurezza stradale, l’NHTSA, ha avviato un’indagine che coinvolge 30 milioni di veicoli e, nello specifico, i gonfiatori di airbag. L’esplosione dovrebbe riguardare un gas innocuo ma da anni l’Ente americano sta conducendo verifiche sugli airbag prodotti da Takata Corporation. (ContoCorrenteOnline.it)

Negli Stati Uniti sono stati segnalati 16 morti in veicoli Honda, due in veicoli Ford e uno in una Bmw, mentre altri 9 morti in auto Honda si sono verificati in Malesia, Brasile e Messico Oggi l'agenzia ha confermato la nuova indagine e ha precisato che coinvolge 1.384 diversi modelli di veicoli. (Milano Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr