Citroen C1, fine del viaggio: stop alla produzione

Auto.it ECONOMIA

In questo scenario, Citroen C1 è giunta al capolinea, dopo 196 mila esemplari venduti in Italia su due generazioni e 16 anni di commercializzazione sul mercato

C'è chi si è impegnato con nuove forze e sempre sul versante di una proposta con motore benzina, vedi Toyota Aygo X.

Citroen Ami o il salto C3. Citroen presidia il segmento B con l'utilitaria C3 e offre una proposta di mobilità per gli spostamenti in ambito urbano con l'elettrica Ami. (Auto.it)

Ne parlano anche altre testate

Il debutto di Peugeot 108 risale al 2014 quando è stata lanciata per sostituire la 107. Ieri la Citroen C1, oggi la Peugeot 108. (FormulaPassion.it)

Da allora, in Italia ha conquistato circa 50.000 clienti. La 108 ha potuto contare, nel corso della sua carriera, su numerose serie speciali e su una gamma di personalizzazioni particolarmente ampia, che ha portato i clienti a poter acquistare teoricamente circa 5. (Quattroruote)

Dopo la Citroën C1, Stellantis ha deciso di eliminare anche la Peugeot 108, city car per eccellenza dal 2014, che è uscita dal listino della casa automobilistica francese dopo aver onorato il suo ruolo di porta d’ingresso alla gamma. (ClubAlfa.it)

Rappresenta una soluzione concreta e innovativa sviluppata da Citroën per proporre una mobilità 100% elettrica, ultra accessibile e rispettosa dell’ambiente. Naturalmente, la Citroën Ami è stata progettata per i brevi tragitti in quanto fornisce circa 70 km di autonomia con una singola ricarica (ClubAlfa.it)

Le Double Chevron ha infatti annunciato lo stop alla produzione della sua city car con l’ultimo esemplare che presto lascerà lo stabilimento di Kolin nella Repubblica Ceca. (FormulaPassion.it)

Per chi invece è alla ricerca di una autovettura con cinque posti la C3 è il nuovo gradino di accesso al marchio, con la serie speciale You disponibile anche per i neopatentati La C1 è stata prodotta dal 2005 ad oggi in circa 1,2 milioni di esemplari, dei quali circa 196.000 in Italia (Quattroruote)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr