Kostic prima scelta Inter se Perisic non rinnova. Sfumato un obiettivo − SM

Inter-News ECONOMIA

Intanto, è sfumato un obiettivo di gennaio. A SINISTRA − Filip Kostic dell’Eintracht Francoforte piace all’Inter ed è il nome principale sul taccuino dei dirigenti nerazzurri in caso di mancato rinnovo di Ivan Perisic.

Intanto, un obiettivo di mercato è sfumato: si tratta di Lucas Digne.

Come riporta Sandro Sabatini su Sport Mediaset, il laterale mancino serbo può essere il sostituto ideale del croato che ancora si è deciso se prolungare o meno il proprio contratto con l’Inter. (Inter-News)

Se ne è parlato anche su altri media

Ogni lunedì la redazione di siderweb realizza il siderweb TG, il telegiornale della siderurgia che ti aggiorna sulle più importanti notizie della settimana Per sette giorni puoi navigare liberamente e sperimentare tutte le opportunità del sito. (Siderweb)

A livello territoriale il rincaro maggiore graverà sulle imprese ubicate in Lombardia: rispetto al 2019, l’incremento del costo per l’energia elettrica sarà pari a 8,5 miliardi di euro. Subito dopo si pone il Veneto con un extra costo pari a 3,9 miliardi di euro, l’Emilia Romagna con 3,5 miliardi ed il Piemonte con 2,9 miliardi di euro. (serramentinews)

Secondo il vicepresidente dell’associazione degli industriali, gli interventi messi in campo dal governo finora non hanno raggiunto il 70% delle pmi. Il rischio, ha ammesso Marchesini, è quello di un blocco della produzione o di una delocalizzazione. (Energia Oltre)

SPY FINANZA/ I dati che spiegano il "disamoramento" di Confindustria per il Governo SPY CONFINDUSTRIA/ La saga di Highlander in scena a Napoli. Confindustria “Costo energia per imprese di 37 miliardi”. (Il Sussidiario.net)

"Lo shock energetico è un problema per tutte le filiere, il rischio che corriamo, oltre al blocco della produzione che sta già avvenendo in alcuni settori, è che le aziende spostino altrove la produzione. (PPN - Prima Pagina News)

(Teleborsa) - "Loil rischio che corriamo, oltre al blocco della produzione che sta già avvenendo in alcuni settori, è che le aziende spostino altrove la produzione. Lo afferma il vicepresidente di Confindustria per le filiere e le medie imprese"Gli interventi messi in campo finora dal Governo non hanno investito il 70% delle PMI, quindi serve affrontare il problema attraverso azioni immediate e con una strategia di medio-lungo periodo. (Teleborsa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr