Norvegia, l’opposizione di centro-sinistra verso la vittoria alle elezioni

Norvegia, l’opposizione di centro-sinistra verso la vittoria alle elezioni
Il Sole 24 ORE ESTERI

1' di lettura. I partiti dell’opposizione di centrosinistra si avviano alla vittoria alle elezioni parlamentari del 12-13 settembre in Norvegia, dominate dallo scontro su climate change e le prospettive sull’economia petrolifera del Paese scandinavo.

È quanto emerge dalle proiezioni di voto a cura delle emittenti Nrk e Tv2 e del quotidiano VG.

Il nuovo governo sarebbe capitanato dal leader laburista Jonas Gahr Stoere, in minoranza o con il sostegno di altri partiti di centro-sinistra, ponendo fine agli otto anni al potere della premier Erna Solberg. (Il Sole 24 ORE)

Ne parlano anche altri giornali

La Norvegia, che non fa parte dell'Unione europea, è il primo produttore continentale di petrolio e il terzo esportatore mondiale di gas. Dopo 8 anni di ininterrotto governo conservatore, la Norvegia svolta a sinistra. (Euronews Italiano)

Store ha poi ringraziato la premier Edna Solberg per gli otto anni al governo: "È stata un primo ministro bravo e coerente per la Norvegia". A vincere è stato il partito laburista guidato dal laburista Jonas Gahr Store, che si avvia a diventare il nuovo primo ministro. (Avvenire)

Non si prevede un abbandono del petrolio (La Repubblica)

La Norvegia al voto si interroga sul petrolio

Milionario di 61 anni che ha fatto una campagna contro le disuguaglianze sociali, il probabile capo del prossimo governo sta sostenendo – come i suoi avversari conservatori – un'uscita dolce e graduale dall'economia petrolifera (Bluewin)

Con la vittoria dei laburisti in Norvegia si consolida la predominanza della sinistra nei paesi del Nord Europa, con Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia, Svezia che presentano in carica contemporaneamente tutti governi di centrosinistra, una cosa che non accadeva dalla fine degli anni Cinquanta Basta guardare pochi dati per comprendere l’importanza della questione energetica nel Paese scandinavo, che fa ampio uno delle energie alternative. (Kongnews)

Store ha tuttavia i sondaggi a suo favore, ma avrebbe comunque bisogno di costruire una maggioranza fra la sinistra e le forze ecologiste. Il Paese si trova davanti a una scelta che potrebbe avere ripercussioni anche per il resto del continente europeo: fra clima e oro nero. (RSI.ch Informazione)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr