Canone Rai anche per smartphone e tablet? Clamoroso scenario

Consumatore.com ECONOMIA

L’evoluzione della tecnologia ha portato molti a credere che quello che chiamiamo abbonamento alla RAI serva effettivamente a pagare la RAI ma non è così

La proposta è accompagnata da altre 3 modifiche che permetterebbero, secondo l’amministratore delegato della RAI, di aumentare gli introiti della società.

Che la RAI non navighi in buone acque lo sappiamo e arriva adesso la proposta dell’amministratore delegato Fuortes di mettere il canone anche su smartphone e tablet. (Consumatore.com)

La notizia riportata su altri giornali

Dubbi sul Trattamento di Fine Servizio (TFS) e i periodi di preruolo non inseriti nel calcolo. TFS e periodo di preruolo non calcolato, cosa fare? (Informazione Oggi)

Al fine di poter vedere i vari canali, però, bisogna necessariamente pagare il canone Rai. Canone Rai, la TV di Stato pronta a tassare smartphone, tablet e Pc: cosa c’è da sapere. Dal 2016 il canone Rai viene pagato attraverso l’addebito diretto sulla bolletta dell’utenza elettrica in rate mensili. (ContoCorrenteOnline.it)

Potrebbe interessare anche: Cartelle esattoriali: per gli eredi non sono previste sanzioni fiscali ma resta l’IMU da pagare I debiti del Fisco se muore il debitore pagano gli eredi? (Informazione Oggi)

In sostanza l'idea sarebbe quella di richiedere il pagamento del canone anche a chi possiede uno smartphone o un tablet, questo perché ormai tali dispositivi sarebbero ampiamente utilizzati per la visualizzazione di contenuti audiovisivi. (MRW.it)

E in quest’ottica cosa c’è di meglio di immaginare di estendere il canone agli smartphone ed ai tablet? La prima nel “riconoscimento integrale alla Rai delle risorse del canone, eliminando le attuali trattenute da 110 milioni, e finanziando così il fondo per il pluralismo con altre risorse” (non tutti sanno che una parte del canone Rai viene destinato agli aiuti alla carta stampata). (tviweb)

Infine, chiede che l’importo del canone RAI sia innalzato ai livelli europei Inoltre, Fuortes spiega che il canone RAI risulta zavorrato dalle maggiori trattenute tramite la tassa di concessione, ragione per cui solo l’86% di quanto pagato dagli utenti arriva nelle casse aziendali. (InvestireOggi.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr