Olimpiadi, Tokyo, le calciatrici si inginocchiano e il Cio non si oppone

Olimpiadi, Tokyo, le calciatrici si inginocchiano e il Cio non si oppone
Approfondimenti:
Corriere della Sera SPORT

Per evitare casi, il presidente Thomas Bach ha chiarito: «Inginocchiarsi è permesso e non viola la regola 50».

Le aree di gara e delle premiazioni erano (e sono) escluse, ma nel comunicato non era chiaro se inginocchiarsi fosse o meno proibito.

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Tokyo 2020 iscriviti gratis alla newsletter «Olimpiadi Tokyo 2020»

Ben sette giocatrici Usa di quella squadra erano in campo pure in Giappone: l’incubo che ritorna. (Corriere della Sera)

Ne parlano anche altre testate

"Inginocchiarsi è permesso. - ha spiegato Bach come riporta sportmediaset - Non è una violazione della regola 50 del CIO" (TUTTO mercato WEB)

Abbiamo conosciuto questo fenomeno – anche – agli Europei 2020, quando alcune nazionali prima del calcio d’inizio hanno così manifestato per solidarietà al movimento Black Lives Matter. Da qui dunque la deroga, perché possiamo chiamarla soltanto così, per evitare guai e polemiche peggiori: ci si può inginocchiare, l’articolo 50 è salvaguardato. (Il Sussidiario.net)

“Una sensazione di sollievo perché la strada per questa cerimonia non è stata delle più facili. Incrocio le dita per il resto del mio mandato, e ancor di più per il mio successore (OA Sport)

A Tokyo 2020 prime calciatrici in ginocchio contro il razzismo: così il Cio ha chiuso un occhio sul regolamento

È stato lo stesso comitato olimpico a decidere la modifica, aggiungendo la parola “Communis”. Vale la pena di ricordare che il motto non venne concepito da Pierre De Coubertin, come molti credono. (OA Sport)

Come riportano diversi giornali nazionali e internazionali nell’ultima ora, a confermarlo è il capo del comitato organizzatore di Tokyo 2020 Toshiro Muto, che non ha escluso alcuno scenario al momento. (VareseNoi.it)

I gesti d’attivismo, come confermato dal presidente del Cio Thomas Bach, sono consentiti solo prima o dopo l’inizio ufficiale delle competizioni olimpiche. La capitana della squadra britannica, Steph Houghton, aveva già anticipato le intenzioni della squadra prima della partita: «Nel nostro campionato, così come nelle precedenti partite internazionali, è un gesto che abbiamo sempre fatto. (Open)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr