De Luca ‘frena’ la movida in Campania: la nuova ordinanza

De Luca ‘frena’ la movida in Campania: la nuova ordinanza
Notizie.it Notizie.it (Interno)

Il Governatore della Regione Campania pone un freno alla movida in Campania, prima che sia troppo tardi.

Ed è per questo che Vincenzo De Luca ha disposto dei nuovi provvedimenti che pongono dei veri e propri limiti alla vita notturna.

La notizia riportata su altri media

Il problema del distanziamento sociale nei piccoli locali è stato risolto con le divisioni in plexiglass. Ristoranti e bar in Campania aperti con le nuove linee guida, che consentono il contenimento del coronavirus anche dove non c’è il distanziamento sociale. (Nuova Irpinia)

Con l’Unità di Crisi è stata decisa da domani la riapertura di ristoranti e pizzerie senza limiti di orario. Si ricorda che sono vietati eventi e party in sale da ballo e discoteche, all’aperto o al chiuso, che possono costituire pericolo di contagio. (Positanonews)

Con l'Unità di Crisi è stata decisa da domani la riapertura di ristoranti e pizzerie senza limiti di orario. Gli orari fissati per i locali pubblici saranno soggetti a periodica valutazione in relazione alla situazione epidemiologica e al rispetto delle misure di sicurezza. (ROMA on line)

Sono vietati eventi e party in sale da ballo e discoteche, all'aperto o al chiuso, che possono costituire pericolo di contagio". (Napoli Magazine)

Ultime notizie - Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, ha pubblicato sul proprio profilo Facebook a proposito degli ultimi provvedimenti varati dalla giunta:. Sono vietati eventi e party in sale da ballo e discoteche, all'aperto o al chiuso, che possono costituire pericolo di contagio". (CalcioNapoli24)

- Gli orari fissati per i locali pubblici saranno soggetti a periodica valutazione in relazione alla situazione epidemiologica e al rispetto delle misure di sicurezza. - Sono vietati eventi e party in sale da ballo e discoteche, all'aperto o al chiuso, che possono costituire pericolo di contagio". (Tutto Napoli)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti