Peste suina, un altro caso in provincia d'Alessandria: sospesa la caccia

Peste suina, un altro caso in provincia d'Alessandria: sospesa la caccia
Sputnik Italia INTERNO

https://it.sputniknews.com/20220112/peste-suina-primi-stop-allexport-di-carni-e-salumi-italiani--14592418.html. Sputnik Italia [email protected] +74956456601 MIA „Rosiya Segodnya“ 252 60. 2022. Sputnik Italia [email protected] +74956456601 MIA „Rosiya Segodnya“ 252 60. Notiziario. it_IT. Sputnik Italia [email protected] +74956456601 MIA „Rosiya Segodnya“ 252 60. 1920 1080 true. (Sputnik Italia)

Se ne è parlato anche su altri media

In particolare Cia, con il progetto «Il Paese che Vogliamo», ha lanciato la proposta di una riforma urgente della legge 157/92 per fronteggiare seriamente il problema degli ungulati in Italia. Serve la collaborazione di tutti gli operatori del settore per offrire la massima protezione alla filiera produttiva del comparto suinicolo" (Gazzetta del Sud)

Il Ministero ha infatti inviato una nota alle associazioni venatorie nazionali riconosciute in merito alla conferma dei casi di PSA nelle popolazioni di cinghiali in regione Piemonte, chiedendo la collaborazione dei cacciatori per fare fronte alla diffusione del virus. (TuttOggi)

L’arrivo della peste suina in Italia e i timori in Fvg. E sebbene la malattia sia innocua per l’uomo, crescono i timori anche in Friuli Venezia Giulia. (Friuli Oggi)

Cia e stop alla caccia per la peste suina: "I cinghiali prolifereranno, temiamo per l'agricoltura"

Al momento sono quattro i casi accertati di cinghiali uccisi dal virus, che non si trasmette all’uomo, quindi non esiste un pericolo per la popolazione. Le aziende non devono subire la beffa di non poter commercializzare i propri prodotti controllati, considerando anche i danni subiti ai campi per colpa dei cinghiali» (La Stampa)

La peste suina africana è una malattia molto contagiosa che provoca una mortalità elevata tra i suini domestici e i cinghiali selvatici. Ora la peste suina è arrivata in Italia: è stata segnalata al confine tra Piemonte e Liguria. (Rinnovabili)

Auspichiamo che entro il 31 gennaio possa essere definita la reale situazione e l’effettiva portata dei capi infetti. Considerata l’emergenza, è il momento di gestire la questione dei selvatici in maniera differente da come fatto finora» (Radiogold)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr