Draghi non teme la piazza di Roma: alta attenzione ma avanti tutta con il green pass

Draghi non teme la piazza di Roma: alta attenzione ma avanti tutta con il green pass
ilGiornale.it INTERNO

La linea non cambia e il premier lo ha spiegato ieri sera, a caldo, con i manifestanti ancora attorno a Palazzo Chigi.

Dunque, avanti con i vaccini: è la strategia vincente, quella che sta consentendo all'Italia di ripartire e all'economia di riprendersi.

Però, sul punto, Mario Draghi tira dritto: il 15 ottobre il green pass entrerà in vigore come stabilito.

Ecco, forse toccherà rivedere qualcosa, perché l'immagine di Palazzo Chigi e Montecitorio assediati non è un bello spot per un'Italia in ripresa

Neanche un po', fanno sapere da Palazzo Chigi. (ilGiornale.it)

Su altre testate

No Green Pass, la linea intransigente di Draghi contro gli attacchi alla ripresa di Tommaso Ciriaco. Dopo la condanna all’azione squadrista il premier potrebbe visitare la sede della Cgil nei prossimi giorni. (la Repubblica)

L’episodio si è verificato oggi, 9 ottobre, nel corso della manifestazione contro il Green pass. Draghi «condanna le violenze che sono avvenute oggi in varie città italiane. (Open)

Anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, a quanto si apprende, ha telefonato al segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, per esprimergli solidarietà Il presidente del Consiglio Mario Draghi "condanna le violenze che sono avvenute oggi in varie città italiane", si legge in una nota diffusa da palazzo Chigi nella giornata caratterizzata in particolare dai disordini a Roma, dove si è tenuta una manifestazione No Green Pass. (Adnkronos)

Assalto alla CGIL. USB: i fascisti alzano cortina fumogena sul governo Draghi

Risanare l’economia dell’Italia aumentando le tasse: sembrerebbe essere questo il piano del Governo Draghi, che nel periodo post Covid ha già messo in atto i primi rincari su beni essenziali. Aver sostenuto il Governo Draghi da parte di tutte le forze politiche ha fatto emergere delle contraddizioni insanabili. (Radio Radio)

Lo sciopero generale di domani serve proprio a riportare al centro dell'agenda politico sindacale i veri problemi del paese. Lo sciopero generale nazionale di lunedì 11 ottobre proclamato dal sindacalismo di base rimetterà al centro i veri problemi del Paese e non consentirà alcuna agibilità ai fascisti, comunque mascherati (L'AntiDiplomatico)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr