11 settembre, Bruce Springsteen canta a sorpresa per le vittime

11 settembre, Bruce Springsteen canta a sorpresa per le vittime
Più informazioni:
Tiscali.it CULTURA E SPETTACOLO

La sua apparizione non era stata annunciata.Springsteen, in abito scuro e accompagnato dalla chitarra e armonica a bocca, ha interpretato "I'll see you in my dreams" in uno dei momenti di pausa della lettura dei nomi delle quasi 3.000 vittime degli attentati terroristici

New York, 11 set.

(askanews) - La star del rock mondiale Bruce Springsteen è intervenuto, a sorpresa, alla cerimonia a New York per il 20ennale degli attentati dell'11 settembre 2001. (Tiscali.it)

La notizia riportata su altri media

Ha cantato la sua canzone del 2020 `I’ll see you in my dreams´. I presenti si sono abbracciati e commossi (Corriere TV)

(askanews) – La star del rock mondiale Bruce Springsteen è intervenuto, a sorpresa, alla cerimonia a New York per il 20ennale degli attentati dell’11 settembre 2001. 11 settembre, Bruce Springsteen canta a sorpresa per le vittime. (askanews)

Il presidente Joe Biden con la First Lady: Jill è accanto a Michael Bloomberg, l'ex sindaco di New York. "Il ventesimo anno della guerra avrebbe dovuto essere un anno di vittoria, invece Joe Biden e la sua inetta amministrazione si sono arresi" (QUOTIDIANO NAZIONALE)

11 settembre, Biden: “L’unione è la nostra più grande forza”

L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza Ryan Adams, per esempio, con la sua toccante ballata “My blue Manhattan” rende omaggio a New York ed ai suoi morti dell’11 settembre, ed il risultato è commozione allo stato puro. (BergamoNews.it)

Ha seguito il dramma seduto su un aereo all’aeroporto John F. Kennedy di New York. La sua voce è un massaggio per New York ferita. (Sky Tg24 )

E' quanto si legge nella dichiarazione del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione del ventesimo anniversario degli attentati dell'11 settembre 2001. «Non c'è mai stato un motivo di maggiore imbarazzo» per gli Stati Uniti del ritiro affrettato dall'Afghanistan. (La Gazzetta di Mantova)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr