Concorso esterno in associazione mafiosa, condanna per D'Alì

Concorso esterno in associazione mafiosa, condanna per D'Alì
Per saperne di più:
Livesicilia.it INTERNO

Il politico avrebbe poi svolto un ruolo fondamentale nella gestione degli appalti per importanti opere pubbliche, dal porto di Castellammare del Golfo agli interventi per l’America’s Cup.

Dei presunti collegamenti di D’Alì con le cosche hanno parlato vari pentiti tra cui Antonino Giuffrè, Antonio Sinacori, Francesco Campanella e da ultimo don Ninni Treppiedi e Antonino Birrittella.

La corte d’appello ha anche condannato l’ex senatore a risarcire le associazioni antimafia costituite parti civili e lo ha dichiarato interdetto dai pubblici uffici per tre anni

D’Alì era accusato di avere “contribuito al sostegno e al rafforzamento di Cosa nostra, mettendo a disposizione dei boss le proprie risorse economiche, e, successivamente, il proprio ruolo istituzionale di senatore della Repubblica e di sottosegretario di Stato”. (Livesicilia.it)

Se ne è parlato anche su altri media

La corte d’Appello di Palermo ha condannato a sei anni di carcere l’ex senatore di Forza Italia Antonio D’Alì, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, nel processo d’appello-bis dopo la sentenza della Corte di Cassazione che aveva annullato con rinvio la prima sentenza d’appello del settembre del 2016, in cui l’ex sottosegretario di Forza Italia venne assolto per le contestazioni successive al 1994. (Italia Sera)

Nel gennaio 2018 la sentenza d’appello del 2016 venne annullata dalla Cassazione che ordinò il nuovo processo d’appello. Lo afferma l’avvocato Arianna Rallo, legale dell’ex senatore Antonio D’Alì, condannato a 6 anni di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa dalla corte d’Appello di Palermo. (Gazzetta del Sud - Edizione Sicilia)

Il termine per il deposito delle motivazioni è stato fissato dalla Corte d’Appello in 90 giorni. (Trapani Sì)

Mafia, l'ex senatore D'Alì condannato a 6 anni: "Rapporti con Messina Denaro"

"Desta profonda sorpresa la riforma della sentenza di primo grado di assoluzione, considerato che tutte le acquisizioni probatorie di questo giudizio di rinvio hanno rinforzato la tesi difensiva e avvalorato la correttezza delle motivazioni del Gip del Tribunale di Palermo". (Tp24)

Foto Imagoeconomica. . ARTICOLI CORRELATI. Cassazione: no a obbligo dimora per l'ex senatore Antonio D'Alì. D'Alì, l'atto di accusa. Caso D'Alì: chiesta conferma obbligo di soggiorno per l'ex senatore E’ accusato di concorso esterno in associazione mafiosa “contribuendo al sostegno di Cosa nostra”. (Antimafia Duemila)

La corte d'appello ha anche condannato l'ex senatore a risarcire le associazioni antimafia costituite parti civili e lo ha dichiarato interdetto dai pubblici uffici per tre anni L’ex senatore di FI Antonio D’Alì è stato condannato dalla Corte d’appello di Palermo a 6 anni di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa. (Giornale di Sicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr