Covid-19, la Germania avvia colloqui per un eventuale acquisto del vaccino russo Sputnik V

Covid-19, la Germania avvia colloqui per un eventuale acquisto del vaccino russo Sputnik V
Altri dettagli:
Rai News ESTERI

La lotta alla pandemia Covid-19, la Germania avvia colloqui per un eventuale acquisto del vaccino russo Sputnik V Il ministro della Sanità, Spahn, ha motivato questo passo con la decisione della commissione europea di non negoziare a nome dei 27.

Spahn ha motivato questo passo con la decisione della commissione europea di non negoziare a nome dei 27 un eventuale acquisto dello Sputnik.

Lo dichiara il commissario europeo Thierry Breton che è a capo della task force per la produzione dei vaccini, con particolare riferimento al vaccino russo Sputnik e a quelli cinesi. (Rai News)

Ne parlano anche altri media

Il vaccino russo non è meglio degli altri vaccini, si comporta come tutti i suoi simili ad adenovirus. A tre giorni dalla missione per l’ispezione dei siti di produzione in Russia, il Financial Times scrive che l’Agenzia europea per i farmaci (Ema) la prossima settimana avvierà un’indagine per verificare se durante la sperimentazione clinica del vaccino russo Sputnik V siano state violate le norme etiche e scientifiche concordate a livello internazionale. (Il Fatto Quotidiano)

"Per Sputnik capacità produttive limitate". Draghi, dopo aver spiegato che "Dovremmo continuare a vaccinarci anche negli anni a venire perché ci saranno delle varianti", ha risposto sui dubbi legati all'inoculazione di AstraZeneca e sull'eventuale uso in Italia del vaccino russo Sputnik. (NapoliToday)

La procedura di "rolling review" per lo Sputnik V è stata avviata dall'Ema agli inizi di marzo. A innescare l'indagine, che sarà determinante per l'approvazione del preparato russo nei confini europei, ci sarebbe la denuncia presentata da alcuni militari, che sostengono di aver ricevuto pressioni dall'alto per prendere parte ai trial. (Ticinonline)

Vaccino Sputnik, l'Ema: "Ispezioneremo gli impianti in Russia, è la prassi"

L’Agenzia Ue è la prima autorità pubblica del mondo a esaminare le carte di Sputnik, finora validate solo da Lancet. In Europa al momento solo Ungheria e Slovacchia hanno bypassato l’Ema con una autorizzazione d’emergenza nazionale che ha permesso loro di usare lo Sputnik. (la Repubblica)

Kirill Dmitriev, capo del Fondo russo, ha però negato: "Non c’era pressione e Sputnik V ha rispettato tutte le pratiche cliniche". Si tratta dell'Austria che, tramite il suo cancelliere Sebastian Kurz, non ha escluso che approvi il vaccino Sputnik V prima dell’Ue. (Liberoquotidiano.it)

La notizia dell’ispezione, nelle scorse ore, ha generato qualche perplessità dopo che il Financial Times aveva parlato di “indagine speciale”, citando un dossier ed alimentando il sospetto secondo cui i russi non abbiano gestito eticamente la sperimentazione dello Sputnik V. (Sky Tg24 )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr