Powell (FED): inflazione elevata è una grave minaccia, pronti ad alzare tassi

Teleborsa ECONOMIA

"Pensiamo che ci sia qualcosa che potremmo essere in grado di fare su SLR", ha detto Powell in risposta a una domanda sul tema

"Il rapporto è davvero pronto", ha detto Powell, sottolineando che "sarà più un esercizio nel porre domande e cercare input dal pubblico piuttosto che prendere molte posizioni".

In questo senso, il controllo dell'inflazione, senza aumentare i tassi così tanto da soffocare la ripresa economica, è fondamentale per ridurre la disoccupazione. (Teleborsa)

Su altri media

In Cina inflazione frena. Alle ore 8.10 circa, il Nikkei guadagna l’1,92% e gli indici Shenzhen e Shanghai avanzano rispettivamente dell’1,38% e dello 0,84%. Wall Street e poi le Borse asiatiche hanno accolto con favore le parole del governatore: che succede oggi nei mercati? (Money.it)

Così Jerome Powell, presidente della Federal Reserve, nel discorso in calendario per la giornata di oggi, di fronte alla Commissione bancaria del Senato. "Ricorreremo a tutti i nostri strumenti per sostenere l'economia e il solido mercato del lavoro e per impedire che una inflazione più alta diventi radicata". (Finanzaonline.com)

Il Dow Jones Industrial è avanzato di 183,15 punti, a 36252,02, il primo aumento in cinque giorni. Per alcuni investitori, i commenti hanno segnalato un'opportunità di acquisto per i titoli che erano stati penalizzati nelle ultime sessioni. (Investing.com)

Kacper Pempel. LONDRA (Reuters) - L'indice del dollaro si è stabilizzato, mentre gli investitori attendono l'audizione di Jerome Powell in Senato sulla sua conferma alla presidenza della Fed. Gli investitori sperano che Powell fornisca indicazioni sulla tempistica della stretta monetaria in occasione del suo intervento davanti alla Commissione banche. (Investing.com)

Dagli Stati Uniti arriveranno nel pomeriggio le e il Beige Book della Fed Investing.com - Powell ha dato una visione meno falco del previsto sulle prossime mosse della banca centrale Usa, facendo rimbalzare i comparti più colpiti dal recente sell azionario. (Investing.com)

La Fed dovrebbe chiudere l’asset purchase program entro marzo e poi iniziare le strette a partire da giugno. “Se la domanda dovesse rallentare e si arrivasse a una situazione di stagflazione, la Fed potrebbe decidere di non procedere con un aumento dei tassi”, dice l’analista. (Morningstar)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr