Stasera 19 incontro Governo-Regioni: verso un cambio di passo, e se l'Italia diventasse tutta arancione?

Info Media News INTERNO

Al tavolo siederà il nuovo Ministro degli Affari regionali, Mariastella Gelmini.

Le Regioni richiedono al Governo Draghi: misure che tengano conto dell’oggettiva realtà dei casi sul territorio e delle sofferenze economiche

L’esecutivo sarà rappresentato dalla ministra degli Affari regionali Mariastella Gelmini.

Stasera, alle 19, il governo Draghi e le Regioni si vedranno in videoconferenza in vista del Consiglio dei ministri di domattina per valutare le nuove misure anti-Covid. (Info Media News)

Ne parlano anche altre fonti

C’è poi il piano vaccini. I parametri saranno più severi e le valutazioni dei dati verranno fatte ogni 15 giorni, quindi non di settimana in settimana. (Il Sussidiario.net)

Il Governo intanto ha fissato per lunedì il Consiglio dei ministri che affronterà il nuovo dl sulle misure di contenimento, con focus, secondo quanto si apprende, sugli spostamenti tra Regioni che secondo indiscrezioni andrebbe verso la proroga fino al 31 marzo. (Salernonotizie.it)

Per questo, ha sottolineato il presidente della conferenza della Regioni, Stefano Bonaccini, “è necessario che i provvedimenti restrittivi regionali siano adottati con l’intesa del ministro della Salute”. (Quotidiano del Sud)

Covid, cambia la mappa dei colori: Regioni divise sulla zona unica - Irpiniaoggi.it

Dall'altra la necessità di tenere in vita migliaia di attività economiche che, a un anno dall'inizio della pandemia, non sopporterebbero nuove chiusure. Da una parte la corsa dei contagi e delle varianti Covid, alcune delle quali mettono a rischio l'efficacia dei vaccini. (La Nuova Venezia)

La variante inglese, infatti, in molte grandi Regioni rappresenta oltre un terzo dei nuovi contagi. Per questo, ha sottolineato il presidente della conferenza della Regioni, Stefano Bonaccini, “è necessario che i provvedimenti restrittivi regionali siano adottati con l’intesa del ministro della Salute”. (Il Moderatore)

“Zone rosse” locali sono attive dunque in provincia di Bolzano, provincia di Perugia, provincia di Pescara e provincia di Chieti. La variante inglese, infatti, in molte grandi Regioni rappresenta oltre un terzo dei nuovi contagi. (Irpiniaoggi.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr