Zagrebelsky: i docenti contro il Green pass non rappresentano l’Università e non sono esperti in materia

Zagrebelsky: i docenti contro il Green pass non rappresentano l’Università e non sono esperti in materia
Corriere della Sera INTERNO

«I 300 professori che hanno firmato la lettera contro il Green pass, tra cui il professore Alessandro Barbero, non rappresentano l’università, ma loro stessi.

Bellissima cosa la musica da camera, ma cosa c’entra con la pandemia?».

La gente potrebbe pensare che si tratti di professori esperti di quella materia, invece non è così, per esempio tra loro so esserci una professoressa di musica da camera. (Corriere della Sera)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Ai giornalisti che gli chiedevano se secondo lui l'obbligo del Green pass possa avere ripercussioni sul vivere democratico, il giurista ha detto di non voler rispondere. «I trecento professori che hanno firmato la lettera contro il Green pass, tra cui il professore Alessandro Barbero, non rappresentano l'università, ma loro stessi. (La Stampa)

"I 300 professori che hanno firmato la lettera contro il Green pass, tra cui il professore Alessandro Barbero, non rappresentano l'università, ma loro stessi. Caso Barbero, il rettore del Poli sui prof No Vax: "Io non firmerei quella petizione". (La Repubblica)

Ma dopo quasi due anni, con la vaccinazione all′80% e lo strumento del green pass, sul piano del diritto si può dire che l’emergenza persista? Quanto alle proteste No Vax: “Chi scende in piazza al grido di libertà, dovrebbe usare la parola giusta che è arbitrio. (L'HuffPost)

Zagrebelsky: professori contro il Green pass non rappresentano l'università • Imola Oggi

È quanto ha dichiarato il costituzionalista Gustavo Zagrebelsky, presidente di Biennale Democrazia, presentata oggi al Teatro Carignano di Torino e in programma dal 6 al 10 ottobre. Ai giornalisti che gli chiedevano se secondo lui l'obbligo del Green pass possa avere ripercussioni sul vivere democratico, il giurista ha detto di non voler rispondere. (Sky Tg24 )

Bellissima cosa la musica da camera, ma cosa c’entra con la pandemia?”. Lo ha detto il costituzionalista Gustavo Zagrebelsky, presidente di Biennale Democrazia, presentata oggi al Teatro Carignano di Torino e in programma dal 6 al 10 ottobre. (Imola Oggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr