Salvo l'interprete che nel 2008 aiutò Biden in Afghanistan

Salvo l'interprete che nel 2008 aiutò Biden in Afghanistan
Approfondimenti:
EOS Sistemi avanzati scrl ESTERI

Source: agi

Aman Khalili ha annunciato che lui e la sua famiglia hanno lasciato il Paese la settimana scorsa, attraversando il confine del Pakistan.

– E’ riuscito a scappare dal suo Paese l’interprete afghano che nel 2008 salvò Joe Biden dopo un atterraggio di emergenza in elicottero.

La storia dell’afghano era stata raccontata dal Wall Street Journal, con un articolo apparso il 31 agosto.

La portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, commentando la notizia, aveva promesso che l’amministrazione Biden avrebbe fatto di tutto per aiutare Khalili a lasciare l’Afghanistan. (EOS Sistemi avanzati scrl)

La notizia riportata su altre testate

Talebani contro Stati Uniti, un rapporto diplomatico in bilico. Afghanistan, dialogo tra talebani e Stati Uniti, Amir Khan Muttaqi ministro degli Esteri talebano avverte: “Non conviene a nessuno provare a destabilizzarci”. (Il Digitale)

Oggi noi riconosciamo i sacrifici significativi fatti dai nativi per questo Paese e riconosciamo i molti contributi che apportano. Il contributo che il popolo indigeno ha reso attraverso la storia è fattore integrante della nostra nazione, cultura e società. (greenMe.it)

Non stiamo cercando una nuova guerra fredda o un mondo diviso in blocchi rigidi”. Ciononostante Biden ha affermato: “Non stiamo cercando una nuova guerra fredda o un mondo diviso in blocchi rigidi”, per sottolineare la necessità di collaborazione tra le superpotenze al fine del mantenimento di buoni rapporti diplomatici messi in crisi in precedenza dall'amministrazione Trump. (EOS Sistemi avanzati scrl)

Giustizia: maggioranza divisa su presunzione innocenza, voto rinviato a mercoledì

Un programma ambizioso che Biden e la sua amministrazione dovranno essere in grado di controllare garantendo margini anche agli alleati desiderosi di sviluppare autonomamente dagli Usa la propria strategia cyber Nel dominio della competizione cyber globale gli Stati Uniti non vogliono stare a guardare e l’amministrazione di Joe Biden intende plasmare un sistema tale da rendere Washington sicura sul fronte interno e dominante su scala planetaria. (InsideOver)

(LaPresse) – Si va verso una spaccatura all’interno della maggioranza in commissione Giustizia alla Camera. I partiti che sostengono il Governo sono divisi sul testo del parere al decreto legislativo del Governo che recepisce le norme Ue sulla presunzione di innocenza proposto da Enrico Costa (Azione). (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr