Rimandata a casa, perde il bambino. Il primario: "Nessuna responsabilità"

Rimandata a casa, perde il bambino. Il primario: Nessuna responsabilità
Sassari Oggi INTERNO

Allo stesso tempo difende l’operato del personale e smentisce che l’ostetrica abbia detto ad Alessia di curarsi con la tachipirina.

“In base ai sintomi descritti – continua il primario – il caso è stato ritenuto non urgente.

Il direttore della clinica tende la mano verso Alessia: “Si presenti quando vuole per una visita, noi siamo sempre a disposizione di chiunque”

Ma perché Alessia non è stata ricoverata?

Il professore definisce poi come “inevitabile” quel che è accaduto: “Anche ricoverata – continua il primario – avrebbe perso ugualmente il bambino. (Sassari Oggi)

Se ne è parlato anche su altre testate

Il procedimento si intoppa sull’ultima richiesta: “Volevano sapere se avessi fatto il tampone molecolare e ho detto no”. In quei trenta minuti i due avrebbero chiamato le forze dell’ordine ricevendo l’indicazione di presentarsi al pronto soccorso dell’ospedale civile (Sassari Oggi)

Dimensioni testo Piccolo. Normale. Grande. Forse sì, forse no. (Nicola Porro)

Lamentava forti dolori addominali e perdite, tutte avvisaglie di una minaccia d'aborto, ma la ragazza non è stata fatta entrare all'interno della struttura perché sprovvista di tampone molecolare. Una donna incinta si è presentata al pronto soccorso ostetrico delle cliniche di San Pietro di Sassari. (ilGiornale.it)

Perde il bambino dopo essere stata rimandata a casa: "Sia fatta chiarezza"

Conroy (gesuita Usa): “aborto, donne siano libere”/ “La scelta è un valore cattolico”. INCINTA SENZA TAMPONE, PERDE BAMBINO FUORI DALL’OSPEDALE. Come raccontato a La Nuova Sardegna dal marito, la donna non è stata visitata perché sprovvista di tampone recente: “Non si può fare subito? Ma io mi sento profondamente triste e arrabbiata, perché ciò che mi è mancata è stata la comprensione umana (Il Sussidiario.net)

Ma è proprio qui che le cose hanno preso una piega ben diversa: per poter entrare nel Pronto Soccorso e ricevere assistenza la donna doveva esibire un tampone molecolare negativo, e non rapido. Ne faccia uno privatamente lunedì e poi torni per la visita” – così le avrebbeto detto in Pronto Soccorso secondo quanto riportato da Il Fatto Quotidiano Extra (Fidelity News)

E’ inconcepibile che la vita delle persone venga messa in secondo piano per far spazio a decisioni assurde che a tutto portano tranne che al vero Bene delle persone”. Le dichiarazioni del Popolo della Famiglia Sardegna. (Sassari Oggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr