Si suicida a 13 anni impiccandosi nella cameretta. La madre: “Bullizzata dalle amiche” - L'Unione Sarda.it

Si suicida a 13 anni impiccandosi nella cameretta. La madre: “Bullizzata dalle amiche” - L'Unione Sarda.it
Più informazioni:
L'Unione Sarda.it INTERNO

Un vero e proprio dramma quello consumatosi nei giorni scorsi nella Capitale, dove una ragazzina di appena 13 anni si è tolta la vita, suicidandosi, nella sua cameretta.

Attorno a lei i suoi disegni e le scritte di canzoni inglesi impresse su un quadernone.

“Le sue migliori amiche l’avevano esclusa e bullizzata - racconta la mamma dai social - dopo che aveva discusso con una di loro, per un malinteso, mia figlia era stata isolata. (L'Unione Sarda.it)

Ne parlano anche altri giornali

Domenica sera è tornata a casa ha trovato la figlia senza vita, suicida a 13 anni. Temo che l'abbiano presa di mira anche sui social, in qualche gioco» (ilmessaggero.it)

Partendo dalla morte dei due 18enni, entrambi romani, a febbraio e a dicembre 2020, la pm Giulia Guccione - con l'aiuto della Polizia Postale - ha analizzato i cellulari delle vittime ed è riuscita a risalire al sito web Tra i seguaci, anche giovani italiani: ed è proprio dalla morte di due 18enni di Roma, scomparsi l'anno scorso in circostanze analoghe tra loro, che sono partite le indagini che hanno portato a individuare e chiudere il sito web dell'orrore. (leggo.it)

Le frasi erano indicazioni per non espellere la sostanza tossica e portare così a compimento l’intento suicida. Per loro l’assicurazione di un «successo» del proposito uguale a quello ottenuto da altri ragazzi suicidatisi nello stesso modo (Corriere della Sera)

L'urlo, poi il suicidio: "Al nostro arrivo era già fredda"

Oltre ai due casi su cui indaga la procura di Roma ci sarebbe un altro suicidio riconducibile alla community avvenuto nei mesi scorsi a Palermo. Un sito internet che ha portato due giovani ragazzi, tra cui un 19enne di Latina, Fabio, a togliersi la vita nei mesi scorsi. (LatinaToday)

Secondo gli inquirenti sul sito si trovava un supporto concreto e morale nel portare a compimento propositi suicidari Erano queste le indicazioni che venivano suggerite su un sito web per cui è stato disposto l'oscuramento dagli inquirenti della Polizia Postale coordinate dal pm della procura di Roma Giulia Guccione. (Today.it)

Era bullizzata da alcune compagne di classe ", racconta la mamma in uno sfogo su Facebook. Le indagini. La famiglia di Laura era seguita dai Servizi Sociali del V municipio dopo la separazione dei genitori. (il Giornale)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr