Pescara: anziana entra dentro il frutta e verdura con la macchina

Ultim'ora News ECONOMIA

Una donna anziana è finita con l’auto dentro un negozio di frutta e verdura.

L’auto era guidata da una donna anziana ed improvvisamente è finita all’interno del negozio di frutta verdura, la sua corsa è terminata tra le cassette di merce esposta.

Come sta la donna dopo l’incidente. La signora anziana, dopo aver urtato il cordolo del marciapiede con la sua auto, ha finito la sua corsa nel negozio "Il Fruttaiolo Market", sfondando la vetrina. (Ultim'ora News)

La notizia riportata su altri media

La crescita. Nel 2020, spiega Marco Venturelli, chief executive officer del Gruppo, “si è confermato il piano di crescita annunciato nel 2019, con il contributo del partner strategico Carlyle”. (La Repubblica)

I primi fichi d’India si trovano sui banchi della frutta dalla fine di luglio. Una curiosità. Il fico d’india, nonostante il nome, non ha niente a che fare con il genere Ficus e non proviene dall’India. (Proiezioni di Borsa)

Tratto dal libro Un sorso e un morso. Caterina Civallero. I miei corsi. I miei libri. https://www.facebook.com/caterina.civallero.5. https://caterinacivallero.com. https://caterinacivallerofeaturingmarialuisarossi. ("Mobile Magazine)

Abbiamo pertanto visto che per prevenire alcuni tumori è utile mangiare più spesso questa frutta e verdura Come si rileva da alcuni recenti studi condotti in Italia grazie al sostegno dell’AIRC, i frutti rossi proteggono specifici organi. (Proiezioni di Borsa)

20 anni di esercizio e di esperienza purtroppo non sono stati sufficienti a rispondere positivamente e con congruo risultato alle difficoltà del particolare momento storico. Con grande dispiacere vi lasciamo qui i nostri migliori saluti augurando e augurandoci di andare incontro a nuove e migliori opportunità (triestecafe.it)

Oggi si parla di “flexitariani” per indicare persone che hanno deciso di ridurre il consumo di proteine animali, sia per ragioni di salute che ambientali. Quello che cambierà sempre di più saranno le quantità e la frequenza con cui le mangeremo. (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr