È morto Guglielmo Epifani, ex leader della Cgil: aveva 71 anni

Fanpage.it INTERNO

È stato segretario generale della Cgil dal 2002 al 2010, mentre nel 2013 per alcuni mesi ha ricoperto la carica di segretario del Partito democratico dopo le dimissioni di Pier Luigi Bersani.

Guglielmo ha dato la sua vita alla Cgil e al sindacato", ha invece affermato il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini

È morto Guglielmo Epifani, ex leader della Cgil ed ex segretario del Partito democratico. (Fanpage.it)

Su altre fonti

News Correlate E' morto Guglielmo Epifani. Il già segretario generale della Cgil e del Pd frequentava Scicli da diversi anni, soprattutto nei weekend e di domenica, perchè una delle sue più care amiche, una signora romana che ha preso casa sotto il colle di San Matteo, qui ha trasferito il proprio buen retiro. (RagusaNews)

Epifani era nato a Roma nel 1950 da genitori di origine campana, socialista, nel 1979 incomincia la sua carriera di dirigente sindacale con l’incarico di segretario generale aggiunto della categoria dei lavoratori poligrafici e cartai. (Il Reggino)

Ettore Guglielmo Epifani (Roma, 24 marzo 1950 – Roma, 7 giugno 2021) è stato un sindacalista e politico italiano. “Prima di lasciare il timone della Cgil – si legge su Libero, in prima pagina – Guglielmo Epifani si è alzato lo stipendio e ora percepisce 3. (L'Occhio)

EPIFANI: L’ACCIAIO SPECIALE DI TERNI VA TUTELATO. Guglielmo Epifani, sia come leader sindacale che come parlamentare, ha seguito molto da vicino le sorti dell’acciaieria di Terni. (Terni in rete)

Secondo quanto trapela, Epifani era stato colpito circa una settimana fa da un’embolia polmonare, dalla quale sembrava essere in ripresa. Primo socialista alla guida della Cgil. Primo socialista a guidare la Cgil, fu vice di Bruno Trentin e poi di Sergio Cofferati. (Il Sole 24 ORE)

E’ morto a 71 anni Guglielmo Epifani, ex leader sindacale e politico. Laureato in filosofia con una tesi su Anna Kuliscioff, ha svolto tutta la sua carriera nella Cgil prima di quella politica. (L'Unione Sarda.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr