Naufragio Concordia dieci anni dopo, la figlia di Schettino "assolve" suo padre

Naufragio Concordia dieci anni dopo, la figlia di Schettino assolve suo padre
NapoliToday CULTURA E SPETTACOLO

"Rinnovo il sentito cordoglio pronunciato da mio padre in tribunale alle famiglie per il dolore prodotto dalla perdita prematura dei loro cari".

Anche la ricostruzione degli ultimi istanti sulla Concordia del suo comandante sono dalla ragazza ricostruiti diversamente rispetto a quanto fatto dai giudici

È quanto scrive sui social Rossella Schettino, la figlia di quel Francesco Schettino che era il comandante della Costa Concordia quando naufragò nei pressi dell'Isola del Giglio, al decimo anniversario della tragedia in cui persero la vita 32 persone. (NapoliToday)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Il treno, partito da Bikaner, nello stato del Rajasthan, era diretto a Gauhati, nello stato di Assam: l’incidente è avvenuto nel distretto di Jalpaiguri. Il bilancio provvisorio delle vittime è di nove morti, secondo quanto riferito da un funzionario delle ferrovie. (LaPresse)

Queste sono state le sue impressioni: “Quando la nave si adagiava, ero nel punto di raccolta, sul ponte 4 o 5, non ricordo. Nessuno ci disse cosa dovevamo fare, non sapevamo nulla. (Il Sussidiario.net)

Il vescovo Giovanni Roncari all'Isola del Giglio ha celebrato la Messa nel decimo anniversario della tragedia della Concordia. Il vescovo Giovanni ha presieduto questa mattina, nella chiesa dei Santi Lorenzo e Mamiliano a Giglio Porto, la Messa solenne di suffragio per le vittime e che ha aperto la commemorazione della tragedia della Concordia, nel decimo anniversario del naufragio nel quale persero la vita 32 persone. (GiglioNews)

Costa Concordia, “Una tragedia che si poteva evitare”: il comandante De Falco inchioda di nuovo Schettino

Scrive Cnsas Lombardia: «Sono passati dieci anni dal naufragio della Costa Concordia: era la sera del 13 gennaio 2012 quando la nave finì contro gli scogli davanti all’Isola del Giglio e cominciò ad affondare. (gardapost)

Trentadue le persone che persero la vita in quella che è considerata la più grande tragedia della marineria italiana. (LaPresse) - Una corona di fiori è stata deposta dalla Guardia Costiera nelle acque antistanti Punta Gabbianara all'Isola del Giglio (Grosseto) per ricordare le vittime del naufragio della nave da crociera Costa Concordia il 13 gennaio del 2012. (Il Mattino)

Costa Concordia, la telefonata Schettino-De Falco. A commentarla 10 anni dopo è proprio lui, De Falco, che racconta come la più famosa conversazione con Schettino non fu certo l’unica. (Thesocialpost.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr