Bce: "Verso forte ripresa nel terzo trimestre ma rischi con variante Delta"

la Repubblica ECONOMIA

Il Consiglio direttivo della Bce - si legge ancora nel bollettino -"ritiene avviata la ripresa dell'economia dell'area dell'euro ma la pandemia continua a gettare un'ombra su di essa, soprattutto a causa della variante Delta che costituisce una fonte di crescente incertezza".

Lo scrive la Bce nel bollettino economico in cui si mettono però anche in evidenza i rischi legati alla diffusione della variante Delta come possibile ostacolo per la ripresa. (la Repubblica)

Su altri giornali

Ma per ora le tensioni sui salari sono minimi. Nell’ambito del nuovo quadro di Flexible Average Inflation Targeting annunciato un anno fa, la Fed tollererà temporaneamente un’inflazione più alta, a compensazione degli anni in cui è rimasta ben sotto l’obiettivo. (Investing.com)

La ripresa in atto della domanda interna e mondiale accresce l'ottimismo delle imprese, favorendo. gli investimenti. Poi l'avviso: "ma c'è ancora molta strada da fare prima che i danni economici causati dalla pandemia siano ripianati". (TGLA7)

Il Consiglio direttivo della Banca centrale europea (Bce) ritiene avviata la ripresa dell’economia dell’area dell’euro ma la pandemia continua a gettare un’ombra su di essa, soprattutto a causa della variante Delta che costituisce una fonte di crescente incertezza. (Yahoo Finanza)

L’economia nell’Eurozona ha segnato un recupero nel secondo trimestre del 2021, e si prev. ( 9Colonne - citare la fonte.) (9 colonne)

Con un significativo rallentamento del mercato del lavoro, osserva in conclusione Gagna, pressioni sui salari non sarebbero molto giustificate nell'Area Euro Candriam: la tolleranza di Fed e Bce sull'inflazione non è illimitata, ma per ora rischi modesti. (Yahoo Finanza)

Confermata, nel trimestre luglio-settembre, un'accelerazione degli acquisti di titoli tramite il programma pandemico 'Pepp' L'Eurotower ha ribadito il giudizio sull'andamento dell'inflazione, il cui rialzo atteso nei prossimi mesi è "temporaneo", e ribadisce che i tassi rimarranno ai livelli attuali, o inferiori, fino a una ripresa "durevole" dell'indice dei prezzi, e che a tal fine sarà consentito uno sforamento del 2% per un periodo transitorio. (Tiscali.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr