Palermo, maltrattamenti in casa di riposo: “Ti ammazzo di legnate”

Palermo, maltrattamenti in casa di riposo: “Ti ammazzo di legnate”
LaPresse INTERNO

I finanzieri del comando provinciale di Palermo hanno dato esecuzione a un’ordinanza emessa dal gip su richiesta della procura nei confronti dei titolari e gestori di una casa di riposo in viale Lazio a Palermo.

“Ti prendo a bastonate, t’ammazzo a legnate” oppure “cosa inutile, prostituta…devi buttare il sangue qua e devi morire” o ancora “tanto se muori che mi interessa…”.

Oltre alle misure cautelari personali il gip ha disposto il sequestro della casa di riposo ‘I nonnini di Enza’ che è stata affidata ad un amministratore giudiziario per consentire la prosecuzione dell’attività. (LaPresse)

La notizia riportata su altri media

Reggio Calabria, 22 feb. (LaPresse)

Insulti e minacce, continue e insostenibili mortificazioni: a questo erano sottoposti gli anziani ospiti della casa di riposo "i nonnini di Enza" a Palermo. Frasi come "ti prendo a bastonate, t'ammazzo a legnate", e violenze fisiche: calci, schiaffi, strattonamenti e intimidazioni per costringere gli anziani a stare seduti. (TGR – Rai)

Un lungo incubo per gli ospiti di una struttura siciliana. In meno di due mesi sono state registrate decine di episodi di vessazioni: "Modus operandi consolidato". (Today)

Palermo, 4 arresti nella casa di riposo per anziani: "Comportamenti disumani, era un lager"

Le intercettazioni mostrate nel video diffuso dalla guardia di finanza già da sole raccontano l'orrore che si consumava nella casa di riposo “I nonnini di Enza” di viale Lazio a Palermo. Abituali anche le violenze fisiche, dai calci agli schiaffi, così come le intimidazioni per costringere gli anziani a stare seduti. (Giornale di Sicilia)

Gli investigatori del Nucleo di polizia economico finanziaria procederanno ora ad effettuare nei confronti della onlus mirati approfondimenti fiscali”. Le indagine nucleo di polizia economico - finanziaria di Palermo. (BlogSicilia.it)

Gli investigatori del Nucleo di polizia economico finanziaria procederanno ora ad effettuare nei confronti della onlus approfondimenti fiscali". "La nostra attività non si ferma con gli arresti di oggi - aggiunge il comandante -. (Giornale di Sicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr