Il gruppo criminale Darkside dietro l'attacco a Colonial Pipeline

AGI - Agenzia Italia ECONOMIA

Sherwood-Randall ha inoltre assicurato che non ci sono carenze di offerta di carburante e che l'amministrazione si sta preparando per diversi scenari di contingenza

i sarebbe il gruppo criminale Darkside, di origine russa, dietro l'attacco ransomware che ha determinato l'arresto della rete di 8.800 chilometri di oleodotti della Colonial Pipeline, la più grande degli Stati Uniti.

È quanto ha fatto sapere l'azienda alla Casa Bianca, secondo quanto riferito ai cronisti da Elizabeth Sherwood-Randall, Consigliere per la Sicurezza Nazionale. (AGI - Agenzia Italia)

Ne parlano anche altre fonti

Gli autori dell’attacco ransomware, ovvero il gruppo DarkSide, hanno chiarito che non era loro intenzione creare problemi per la società. Colonial Pipeline ha dovuto interrompere la distribuzione del carburante lungo le quattro linee principali dell’oleodotto che attraversa gli Stati Uniti dal Texas al New Jersey. (Punto Informatico)

L’attacco informatico di venerdì ha colpito nel segno, dunque, facendo malissimo Il blocco della distribuzione, infatti, è arrivato alla conseguenza di far salire il prezzo del petrolio. (Computer Magazine)

Petrolio in rialzo dopo cyberattacco a Colonial Pipeline, uno dei più grandi operatori di gasdotti americani. LA RISPOSTA DI COLONIAL PIPELINE COMPANY. In risposta all’attacco, la Colonial pipeline Company ha dovuto “mettere offline alcuni sistemi per contenere la minaccia, sospendendo temporaneamente tutte le operazioni dell’oleodotto”. (Startmag Web magazine)

"Gli attaccanti di Colonial Pipeline non sono dei cyberterroristi, almeno così sembra, è un gruppo che ha attaccato per ottenere un riscatto. Al momento non si conoscono i dettagli dell'attacco alla Colonial Pipeline, ma tutto lascia intendere che deve essere successo qualcosa di simile. (AGI - Agenzia Italia)

Il blocco ha temporaneamente interrotto tutte le operazioni della pipeline e ha interessato alcuni dei nostri sistemi IT. Il Colonial Pipeline, il più importante oleodotto per il trasporto di prodotti petroliferi raffinati degli Stati Uniti, è sotto attacco da Venerdì scorso. (L'AntiDiplomatico)

Ha fornito una risposta a questa domanda Lorenzo Parola, avvocato esperto di temi energetici e partner Herbert Smith Freehills, ospite a Sky TG24 Business. (Sky Tg24 )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr