L'inflazione Usa aumenta, Wall Street chiude in calo

AGI - Agenzia Italia ECONOMIA

Il Dow Jones perde lo 0,31% a 35.018 punti, mentre lo S&P arretra dello 0,3% a 4.371 punti e il Nasdaq dello 0,38% a 14.803 punti, dopo aver toccato entrambi dei nuovi record intraday.

Bene invece Pepsico che guadagna sopra il 2%, dopo aver annunciato un rialzo delle stime degli utili di fine anno.

artedì 13 luglio Wall Street chiude in calo, al termine di una giornata caratterizzata da incertezza e volatilità, dopo i dati sull'inflazione Usa. (AGI - Agenzia Italia)

La notizia riportata su altri media

Wall Street indecisa ma Amazon sembra già puntare al ribasso. Spesso abbiamo analizzato la tendenza dei FAANG (Facebook, Amazon, Apple, Netflix, Google) e poi Microsoft, come indicatore anticipatore della forza relativa dei listini americani. (Proiezioni di Borsa)

I futures sul Dow Jones scendono dello 0,45% a 34.661 punti; quelli sullo S&P 500 arretrano dello 0,35% a 4.352 punti, quelli sul Nasdaq scendono dello 0,02% a 14.888 punti. Il continuo ribasso dei tassi sui Treasuries Usa scatena le vendite sulla borsa Usa. (Yahoo Finanza)

Debole la performance dell’indice S&P 500 che, su base settimanale, ha segnato un lieve calo dello 0,2%. Tuttavia, i titoli di quelle stesse società hanno visto i loro titoli segnare in media un ribasso dello 0,58%. (Finanzaonline.com)

Ampliano le perdite i mercati europei, parte in rosso anche Wall Street. Condividi. di Chiara Rancati Avanzano in profondo rosso le Borse europee. Brutta partenza anche per gli indici americani, che dopo settimane sui massimi storici ripiegano ormai da qualche giorno. (Rai News)

Inversione ribassista solo con una chiusura giornaliera inferiore a 4.364. Inversione rialzista solo con una chiusura giornaliera superiore a 14.790. (Proiezioni di Borsa)

Meno a rischio, sempre secondo Martin, le grandi aziende dell'indice S&P 500, anche se alcune società "sono in area bolla" (Yahoo Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr