Il marito di Liliana Resinovich: "Del corpo è rimasto poco, non vedo l'ora che ci dicano cosa è successo"

Articolo Precedente

next
Articolo Successivo

next

Sebastiano Visentin, marito di Liliana Resinovich, la donna di 63 anni scomparsa a Trieste il 14 dicembre 2021 e trovata morta il 5 gennaio 2022, è tornato a parlare del caso. "Sono quasi 31 mesi che ancora non so cosa è successo a Liliana - ha detto l'uomo - Non sono quello che può dare le risposte, ma credo che sia successo qualcosa di molto pesante". (Fanpage.it)

La notizia riportata su altre testate

Negli ultimi mesi dello scorso anno, in alcuni video sulla piattaforma “youtube”, erano apparsi dei commenti decisamente preoccupanti, nei confronti dei due politici che, preoccupati per la propria incolumità, si erano rivolti ai Carabinieri. (Corriere di Lamezia)

L’intervista a “Chi l’ha visto” La morte di Liliana Resinovich (Virgilio Notizie)

La conduttrice di Chi l’ha visto? ha introdotto così la presenza di Sebastiano Visintin, il marito della donna trovata morta a Trieste nel gennaio del 2022 senza che ancora gli inquirenti si siano definitivamente pronunciati sul fatto che si tratti di un suicidio o un omicidio. (Il Fatto Quotidiano)

Ascolta ora 00:00 00:00 Federica Sciarelli ha chiesto a Sebastiano di ricordare il momento in cui il 14 dicembre 2021, quando Lilly mancava da alcune ore, avrebbe incontrato i vicini Salvo e Gabriella - che intanto avrebbero parlato con il sedicente amante Claudio Sterpin - per poi sporgere denuncia di scomparsa - i vicini sostengono che questo sia avvenuto su propria pressione. (il Giornale)

Un’emergenza sociale che politica ed istituzioni continuano ad ignorare, restandosene in silenzio e fingendo che il problema non esista. Otto morti. (Frosinone News)

"Chi l’ha visto?", Sciarelli s’infuria col marito di Liliana Resinovich (“Ci picchiamo”), poi parla del suo addio Cosa è successo nella puntata di ieri, 12 giugno: Sebastiano Visintin, vedovo di Liliana Resinovich, fa scintille con la Sciarelli, poi tutto finisce con una stretta di mano (Libero Magazine)