Mps festeggia accordo con Fondazione per chiusura contenziosi Da Reuters

Mps festeggia accordo con Fondazione per chiusura contenziosi Da Reuters
Investing.com ECONOMIA

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)

REUTERS/Max Rossi. Forte rialzo per le azioni di Banca Mps (MI: ) che festeggiano l'accordo annunciato ieri sera con l'ex azionista Fondazione Mps per chiudere i contenziosi relativi alle richieste risarcitorie per 3,8 miliardi, aprendo così la strada al processo di privatizzazione della banca e alla ricerca di un compratore.

Secondo gli analisti di Intesa Sanpaolo (MI: ), "la riduzione dei rischi legali incrementa la possibilità per Mps di essere integrata in un altro gruppo bancario". (Investing.com)

La notizia riportata su altri media

L'intesa consente alla banca di ridurre i rischi legali a circa 6,1 miliardi da 10 miliardi, priorità fondamentale se si tiene conto della necessità da parte del Tesoro, principale azionista della banca con il 64%, di uscire dal capitale. (Milano Finanza)

Ogni discorso è rimandato a dopo gli stress test del 30 luglio, che daranno una fotografia più nitida sullo stato di stato di Mps. Il mantenimento del rapporto con la città, la salvaguardia dei livelli occupazionali e la valorizzazione del patrimonio artistico della banca dovranno ora essere il faro necessario" (LA NAZIONE)

E’ il messaggio che il sindaco Luigi De Mossi invia a proposito dell’accordo raggiunto fra Fondazione Mps e Banca Mps relativo all’acquisizione di Banca Antonveneta, all’aumento di capitale 2011 e agli aumenti di capitale 2014-2015, che porterà nelle casse di Palazzo Sansedoni 150 milioni di euro. (Corriere di Siena)

Sindacati Mps: il 26 luglio presidio sotto la sede del Mef

Analoga preoccupazione ha il Monte dei Paschi che l'anno prossimo sarà chiamato, ove le acque non si muovessero, a rimpinguare i ratios con 2,5 miliardi di aumento entro marzo/aprile. Dunque, il capo della Vigilanza Bce, Andrea Enria, sottoporrà a severo scrutinio i bilanci. (ilGiornale.it)

Mps e la Fondazione hanno siglato dunque la pace, una pace necessaria per la banca senese, anzi vitale. Gli investitori finanziari sembrano insomma scommettere sul fatto che l'alleggerimento delle pendenze di Mps possa risvegliare l'interesse di Unicredit verso un'acquisizioneda della Banca senese. (La Repubblica Firenze.it)

“Le continue indiscrezioni sulle sorti della Banca e del Gruppo Monte dei Paschi alimentano un dibattito mediatico senza fine sui possibili scenari riguardanti il consolidamento del sistema creditizio domestico, che rischia di porre in secondo piano il costo sociale che un’operazione relativa al futuro assetto aziendale potrebbe provocare, se non attentamente gestita. (Il Cittadino on line)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr