Covid, allarme in Giappone: varianti possono generare quarta ondata. Mancano 109 giorni dall'inizio delle Olimpiadi di Tokyo

Covid, allarme in Giappone: varianti possono generare quarta ondata. Mancano 109 giorni dall'inizio delle Olimpiadi di Tokyo
Tiscali Notizie SALUTE

Il Giappone, circa 126 milioni di abitanti, ha finora registrato 486.592 casi di Covid e 4.785 decessi

Si cerca di andare veloci, le autorità sanitarie del Giappone temono che le varianti Covid possano determinare una quarta ondata della pandemia di Covid-19 nel Paese a soli 109 giorni dall'inizio delle Olimpiadi di Tokyo.

Le varianti sembrano essere più infettive e possono essere resistenti ai vaccini, che non sono ancora ampiamente disponibili in Giappone, secondo gli esperti. (Tiscali Notizie)

Ne parlano anche altri giornali

Stando a quanto rivelato dall’emittente nipponica la nuova variante sarebbe stata già identificata su 10 di 14 pazienti testati in un ospedale della capitale a marzo. Da qualche settimana a questa parte si è diffusa una nuova variante Giapponese denominata E484K. (Notizie.it )

Stormi di insetti minacciano ancora gli agricoltori dopo l'invasione dell'anno scorso. Le locuste tornano a minacciare le coltivazioni in Kenya dopo l’invasione degli insetti che ha causato già pesanti danni all’agricoltura del paese africano l’anno scorso, la più grave degli ultimi 70 anni. (LaPresse)

“La quarta ondata sarà più diffusa” ha detto Koji Wada, professore dell’Università di Tokyo, “dobbiamo iniziare a discutere come estendere a Tokyo misure specifiche”. Osaka ha cancellato il passaggio della torcia olimpica, ma il premier Suga ha nuovamente ribadito che i Giochi, già rinviati nel 2020, si terranno come previsto (L'HuffPost)

Covid: variante giapponese E484K. Ecco cosa sappiamo

Replica una cassetta audio mille volte, e alla fine non sentirai che rumore di fondo. Prova è che la temuta Variante Giapponese contiene la stessa mutazione già apparsa nella Variante Sudafricana della quale si sente parlare. (Bufale.net)

In Italia non stanno invece prendendo piede le varianti con la mutazione 484 La variante inglese non ha la mutazione 484 (infatti non fa perdere efficacia ai vaccini), ma ha quella in posizione 501 che la rende più contagiosa. (la Repubblica)

Un'attività, conclude Andreoni, che "stiamo portando avanti all'Università di Tor Vergata, così come si sta facendo in altri centri, ma che va ulteriormente rafforzata" "Più il virus circola più tende a mutare e dare luogo a nuove varianti - ha sottolineato -. (IL GIORNO)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr