Cina, frena l'indice Pmi manifatturiero. Colpa della variante Delta e dei costi delle materie prime

The MediTelegraph ECONOMIA

Si tratta, secondo l'Ufficio nazionale di statistica, del passo più lento da febbraio 2020 per la variante Delta emersa a Nanchino, per il rialzo dei costi delle materie e le pesanti alluvioni.

La produzione è cresciuta ai ritmi minimi degli ultimi 16 mesi, mentre l'export ha tenuto restando stabile e l'occupazione è risultata poco variata.

Le stesse motivazioni hanno influito sull'indice Pmi non manifatturiero sempre di luglio, sceso a 53,3 a luglio da 53,5 di giugno, ai minimi degli ultimi 5 mesi

Quanto alle previsioni, la fiducia è al punto più basso degli ultimi 3 mesi sia sui timori della durata della pandemia a livello globale sia per le incertezze sul ripristino della supply chain. (The MediTelegraph)

Ne parlano anche altre fonti

In Italia l'indice Pmi manifatturiero è calato a luglio a 60,3 punti da 62,2 di giugno, lievemente inferiore alle attese 'indice Pmi manifatturiero dell'Eurozona segna a luglio un leggero rialzo a 62,8 da 62,6 di giugno, superiore rispetto alle attese degli analisti che avevano previsto restasse stabile. (RagusaNews)

Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute. Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno. (Borsa Italiana)

Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute. Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi (Borsa Italiana)

Le aziende hanno risposto assumendo personale aggiuntivo ad un tasso mai osservato in 24 anni di raccolta dati. A luglio, la combinazione tra la carente disponibilità di beni e gli ordini in continua crescita ha costretto le imprese ad attingere alle loro scorte (Business Community)

Cel. (RADIOCOR) 02-08-21 10:06:11 (0220) 3 NNNN 'Il leggero raffreddamento della crescita del settore manifatturiero dell'Eurozona di luglio dopo l'espansione da record del secondo trimestre non dovrebbe preoccupare troppo", spiega Markit. (Borsa Italiana)

Lo segnala l'indice finale dei responsabili degli acquisti (Pmi) elaborato da Jibun Bank che a luglio e' salito a 53 su base destagionalizzata dal 52,4 del mese precedente. Il dato e' migliore della lettura flash di 52,2 diffusa il mese scorso. (Borsa Italiana)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr